Stimolo a fare pipì di frequente durante la gravidanza

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 13/01/2015 Aggiornato il 05/03/2015

Lo stimolo a fare pipì è un disturbo molto frequente, soprattutto all’inizio e alla fine della gravidanza

Avere un fibroma ostacola la gravidanza?

Tra il secondo e il terzo mese l’utero inizia a premere sulla vescica favorendo lo stimolo a fare pipì; il disturbo si riduce quando l’utero si innalza dallo scavo pelvico, per ricomparire negli ultimi mesi quando il bimbo ricomincia a spingere sulla vescica. Nel corso dei nove mesi può anche capitare di avere piccole perdite involontarie di urina. In genere, ciò avviene mentre si effettua uno sforzo anche lieve (per esempio una corsa o uno starnuto). Anche il progesterone, un ormone della gravidanza, contribuisce a provocare questo disturbo, oltre alla pressione e al peso dell’utero. Quest’ormone, infatti, rilassa i muscoli del pavimento pelvico (l’insieme di muscoli che sostiene intestino, vescica e utero) che, talvolta, non riesce a controllare la fuoriuscita di pipì.

Che cosa fare

È bene svuotare la vescica non appena si avverte anche un leggero stimolo. Ciò aiuta a evitare eventuali perdite involontarie di gocce di pipì. Può essere utile utilizzare assorbenti sottili per non bagnare la biancheria intima. È importante eseguire fin dall’inizio della gravidanza la ginnastica per rinforzare il pavimento pelvico. Un esercizio utile consiste nella contrazione dei muscoli della vagina e può essere effettuato in qualsiasi posizione (sdraiate, sedute o in piedi), alternando contrazioni a rilasciamenti dei muscoli, per almeno 5 minuti al giorno. Un metodo semplice per individuare i muscoli in questione è quello di fare la pipì “a intermittenza”: si inizia a urinare, si smette per qualche secondo e poi si riprende. Questo esercizio, però, va eseguito solo una volta, esclusivamente per individuare i muscoli giusti. In gravidanza, infatti, è meglio evitare di trattenere la pipì, perché questa pratica può facilitare la comparsa di cistite, cioè l’infiammazione della vescica.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti