Stimolo a fare pipì di frequente durante la gravidanza

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 13/01/2015 Aggiornato il 06/02/2020

Lo stimolo a fare pipì è un disturbo molto frequente, soprattutto all’inizio e alla fine della gravidanza

Avere un fibroma ostacola la gravidanza?

La sensazione di dover fare pipì più spesso ha inizio fin dalle prime settimane di gravidanza.

L’utero infatti cresce velocemente già dal momento del concepimento e il suo ingrossamento, anche se non ancora percepibile dall’esterno, incomincia a premere sulla vescica, favorendo lo stimolo a urinare. Tra il secondo e il terzo mese di gravidanza poi questa pressione sulla vescica continua ad aumentare.

Il disturbo si riduce quando l’utero si innalza dallo scavo pelvico, per ricomparire successivamente negli ultimi mesi, quando il bimbo nel pancione ricomincia a pesare sulla vescica.

Nel corso dei nove mesi può anche capitare di avere piccole perdite involontarie di urina. In genere, ciò avviene mentre si effettua uno sforzo anche lieve (per esempio una corsa o uno starnuto).

Oltre al peso dell’utero e alla pressione esercitata sulla vescica, anche il progesterone, un ormone presente in grande quantità in gravidanza, contribuisce ad acuire lo stimolo a fare pipì.

Quest’ormone, infatti, rilassa le fasce muscolari dell’utero e del pavimento pelvico (l’insieme dei muscoli che sostengono intestino, vescica e utero) per permetterne la dilatazione durante l’attesa e al momento del parto, ma provoca, come effetto indesiderato, il rischio di una lieve incontinenza. Talvolta succede infatti che la futura mamma non riesca a controllare la fuoriuscita di pipì.

Che cosa fare?

  • È bene svuotare la vescica non appena si avverte anche un leggero stimolo: aiuta a evitare eventuali perdite involontarie di gocce di pipì;
  • può essere utile utilizzare assorbenti sottili per non bagnare la biancheria intima;
  • è importante eseguire fin dall’inizio della gravidanza la ginnastica specifica per rinforzare il pavimento pelvico;
  • un esercizio utile consiste nella contrazione dei muscoli della vagina e può essere effettuato in qualsiasi posizione (sdraiate, sedute o in piedi), alternando contrazioni a rilasciamenti dei muscoli, per almeno 5 minuti al giorno;
  • un metodo semplice per individuare i muscoli in questione è quello di fare la pipì “a intermittenza” (si inizia a urinare, si smette per qualche secondo e poi si riprende). Questo esercizio, però, va eseguito solo una volta, esclusivamente per individuare i muscoli giusti (in gravidanza, infatti, è meglio evitare di trattenere la pipì, perché questa pratica può facilitare la comparsa di cistite, cioè l’infiammazione della vescica).
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Le flash card di anatomia sono adatte a tre anni di età?

19/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Una bimba di tre anni il corpo umano dovrebbe cominciare a conoscerlo partendo dalle varie parti del suo: manine, piedini, nasino, bocca, orecchie e così via.   »

TSH oltre il limite: ci sono rischi in gravidanza?

14/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Un valore di TSH che supera di poco la soglia considerata ottimale non espone il feto a particolari pericoli. A patto però di assumere l'Eutirox e di controllare con regolarità la funzionalità tiroidea.   »

Ecografia, mammografia, autopalpazione: ecco le indagini per il seno

11/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Scoprire tempestivamente la presenza di un nodulo maligno nella mammella salva la vita. Tre sono le indagini che lo permettono.   »

Fai la tua domanda agli specialisti