È partito il corso di MammAssistant, le professioniste “aiuto mamme” a domicilio

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 03/10/2013 Aggiornato il 03/10/2013

A Milano c’è una nuova opportunità: le aiuto mamme esperte e preparate per affiancare la donna a casa sua nei primi tempi con il neonato

È partito il corso di MammAssistant, le professioniste "aiuto mamme" a domicilio

Un’assistenza a domicilio qualificata per le neomamme. Quale donna non lo desidererebbe nei primi giorni a casa con il neonato? Altro che fiori o gioielli dai parenti, questo potrebbe essere l’idea regalo più apprezzata. Il progetto MammaAssistant mira a formare delle esperte aiuto mamme in grado di dare sostegno direttamente a casa loro alle donne che hanno appena partorito. A sostenere questa iniziativa, per ora attiva solo a Milano, c’è la Lunanuova, associazione di ostetriche milanesi, e La Casa Tagesmutter, cooperativa sociale.

Il puerperio è un periodo difficile

Quando si torna dall’ospedale, instaurare una routine con il neonato non è facile, nemmeno se si ha già un figlio. Si può essere sopraffatte dalla fatica, dall’ansia e dalla solitudine. E a volte non si sa a chi chiedere aiuto. L’assistenza dopo il parto, infatti, è legata al bambino e all’allattamento, meno ai bisogni specifici della donna. E se si vive in una grande città l’isolamento può essere ancora più forte.

Un aiuto mamme concreto

La MammaAssistant non è una figura sanitaria, né una consulente per l’allattamento, ma un supporto concreto, molto pratico, per la mamma e la famiglia nel delicato momento del rientro a casa con il neonato. Che cosa farà l’aiuto mamme? Darà una mano alle piccole faccende domestiche, farà da baby sitter al neonato o agli altri figli, andrà a comprare i generi di prima necessità, collaborerà al mantenimento della routine quotidiana, si metterà a disposizione della neomamma per parlare dei problemi generati dalla nuova situazione…

Da ottobre il corso per MammaAssistant

Anche se la MammaAssistant copre un ruolo che in passato era occupato dalla famiglia, è bene, affinché non si creino problemi, che sia adeguatamente preparata. Per questo è partito il corso, che prevede 100 ore di lezione teorica, tenuto da ostetriche, pedagogiste e psicologhe.

In breve

PER INFORMAZIONI

Chi desidera avere informazioni su come diventare MammaAssistant o su come contattarle, può scrivere via mail a: La Casa Tagesmutter info@lacasatagesmutter.it o La Luna Nuova info@lalunanuova.it

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti