Epilessia, la maggioranza delle donne ha figli sani

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 09/08/2016 Aggiornato il 09/08/2016

Sebbene il rischio di malformazioni resti più elevato (dal 4 al 6%) rispetto alla popolazione generale (2-3%), le donne affette da epilessia hanno in genere figli sani

Epilessia, la maggioranza delle donne ha figli sani

Buone notizie dal rapporto Eurap di cui si è recentemente discusso nel corso del 39° Congresso nazionale della Lega italiana contro l’epilessia (Lice): la maggior parte delle donne che soffre di epilessia partorisce figli sani.

I rischi restano

Dal rapporto emerge, però, che in ogni caso il rischio di malformazioni resta più elevato (dal 4 al 6%) rispetto alla popolazione generale (2-3%). In particolare, nel corso del workshop “Epilessia e donna”, durante il quale si è parlato dell’uso dei farmaci antiepilettici in gravidanza, si è messa in evidenza “l’elevata pericolosità della sospensione dei farmaci antiepilettici durante la gestazione, evento che non di rado viene attuato per paura o per errato consiglio quando la donna sa di essere incinta. Il tema delle possibili malformazioni è cruciale in questa situazione e i messaggi dal mondo medico non sono sempre aggiornati e si basano su vecchie credenze”, hanno spiegato gli esperti.

Fenobarbital e acido valproico

Particolare attenzione è stata dedicata ai possibili effetti che possono derivare per le donne incinte dall’uso di due farmaci antiepilettici, il fenobarbital e l’acido valproico: entrambi, infatti, hanno un rischio maggiore di malformazioni sul nascituro rispetto agli altri (l’acido valproico raggiunge valori intorno al 10%). “La riduzione delle dosi giornaliere di farmaco assunto – hanno spiegato gli esperti – ha però dimostrato di essere sufficiente a ridurre il tasso di rischio, riportandolo a valori simili a quello degli altri farmaci antiepilettici somministrati a dosi medie o elevate”.

30.000 nuovi casi all’anno

L’ epilessia è una malattia neurologica che colpisce 500 mila persone con 30 mila casi nuovi l’anno, in uguale misura uomini e donne. Tra gli elementi tipicamente “femminili” da considerare ci sono i rapporti tra ormoni e insorgenza delle crisi, la scelta dei farmaci antiepilettici e la loro interazione con la terapia contraccettiva, gli effetti dei farmaci antiepilettici sul metabolismo e sugli ormoni sessuali, l’influenza dell’epilessia sulla sessualità, sulla fecondità, sulla gravidanza, sulla menopausa e sul metabolismo osseo.

 

 
 
 

In breve

LA PRECAUZIONE DA SEGUIRE

Il valproato non deve essere utilizzato come primo farmaco in bambine, adolescenti, donne in età fertile o in gravidanza a meno che altri trattamenti abbiano dimostrato di essere inefficaci o non tollerati.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba con la scabbia: potrebbe aver contagiato il fratellino?

28/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

La scabbia è contagiosissima, quindi è possibile che tutto il nucleo familiare la sviluppi, compresi quindi i piccolissimi.   »

Vaccino antiinfluenzale in allattamento: si può fare?

26/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La vaccinazione antiinfluenzale non è controindicata per le mamme che allattano al seno.  »

Bimba che fatica ad addormentarsi: le si può dare la melatonina?

06/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Francesco Peverini

Dormire è fondamentale per tutti, ma in particolare per i bambini: cercare un rimedio contro un eventuale disturbo del sonno è dunque opportuno.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Fai la tua domanda agli specialisti