Il tampone vaginale per Streptococco – 36-37 settimana

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 08/03/2019 Aggiornato il 04/02/2020

Questo tampone vaginale viene eseguito per trovare lo Streptococco beta-emolitico di gruppo B che potrebbe infettare il bimbo durante la nascita. È indolore e privo di conseguenze. È esente da ticket

Il tampone vaginale per Streptococco – 36-37 settimana

Il tampone vaginale alla ricerca dello Streptococco Beta-emolitico è un esame di laboratorio che  ha lo scopo di accertare la presenza in vagina di questo batterio che può contagiare il bambino durante il parto. Per questo viene eseguito nell’ultima fase della gravidanza. Dai nuovi Lea del 2017, è offerto gratuitamente a tutte le future mamme in prossimità del parto, raccomandato in genere a 36-37 settimane, comunque dopo la 35a settimana.

La presenza nell’ambiente vaginale-rettale di questo batterio che vive normalmente nell’ambiente gastro-intestinale, in realtà abbastanza comune, non da alcun disturbo alla donna che spesso non si accorge nemmeno di essere infetta. È fondamentale però individuarne la presenza in vista del parto, perché nel passaggio lungo il canale vaginale, che accade appunto durante il parto, il bambino potrebbe infettarsi. Da notare che il rischio di contagiarsi in modo grave per il bimbo è molto basso ma se dovesse accadere, purtroppo, vi possono essere conseguenze anche molto pesanti, fino alla setticemia (infezione sistemica) e alla meningite.

In caso di esito positivo si somministra alla mamma un antibiotico specifico e si controlla il bimbo appena nato con un tampone a livello oro-faringeo e a livello delle orecchie per verificare che non abbia contratto l’infezione.  In caso di esito positivo, però, anche il bebè viene immediatamente sottoposto a una terapia antibiotica, così da escludere le complicanze più negative.

Il tampone vaginale si effettua analizzando le sostanze prodotte dalla vagina con uno strumento, costituito da un apposito bastoncino che termina con un piccolo tampone. Non è doloroso e si effettua anche molto velocemente.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Distacchi della placenta: che fare?

25/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è necessario osservare il riposo assoluto, in caso di distacco placentare, mentre è consigliabile uno stile di vita senza eccessi.   »

Le flash card di anatomia sono adatte a tre anni di età?

19/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Una bimba di tre anni il corpo umano dovrebbe cominciare a conoscerlo partendo dalle varie parti del suo: manine, piedini, nasino, bocca, orecchie e così via.   »

TSH oltre il limite: ci sono rischi in gravidanza?

14/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Un valore di TSH che supera di poco la soglia considerata ottimale non espone il feto a particolari pericoli. A patto però di assumere l'Eutirox e di controllare con regolarità la funzionalità tiroidea.   »

Fai la tua domanda agli specialisti