Le analisi del sangue per la mamma – 8 -13 settimana di gravidanza

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 12/01/2015 Aggiornato il 31/01/2020

Si tratta di esami volti a verificare lo stato di salute della futura mamma e a escludere la presenza di condizioni che possano compromettere il regolare svolgimento della gravidanza

esami sangue test

Ecco gli esami indicati nel secondo mese: la maggior parte di essi sono gratuiti se eseguiti entro la 13a settimana di gravidanza o comunque al primo controllo in base anche ai nuovi Lea del 2017.

L’emocromo: con questo esame si controllano il numero dei globuli bianchi e delle piastrine (elementi del sangue), il numero e le dimensioni dei globuli rossi e la quantità di emoglobina (la proteina che trasporta l’ossigeno ai tessuti). Serve al ginecologo per valutare, tra l’altro, se si è manifestata un’anemia, dovuta a una diminuzione di emoglobina nel sangue.

Il dosaggio dell’emoglobina: si tratta di una proteina contenuta nei globuli rossi che serve per il trasporto dell’ossigeno nel sangue. Una sua carenza identifica un’eventuale anemia, come la talassemia, forma molto diffusa in Italia, o un’anemia da carenza di ferro, legata magari a situazioni temporanee.

La glicemia: si tratta del controllo della concentrazione degli zuccheri nel sangue. Consente di escludere la presenza del diabete mellito, una malattia legata all’assorbimento dello zucchero. È stato inserito negli ultimi Lea a livello gratuito proprio per evidenziare subito le donne a rischio.

Il toxotest e il rubeotest: servono a verificare l’immunità della futura mamma dalla toxoplasmosi e dalla rosolia (cioè se ha già avuto queste malattie in precedenza), in quanto se contratte in gravidanza potrebbero costituire un pericolo per il feto; se non si è immuni dalla toxoplasmosi, occorre ripetere il test ogni mese fino al parto; se non si è immuni dalla rosolia, invece, l’esame va ripetuto entro la 17a settimana.

Il gruppo sanguigno e il fattore Rh: servono ad accertare che il sangue della futura mamma sia compatibile con quello del feto. In ogni caso, dal 2017, viene eseguito a tutte le donne il test di Coombs indiretto, anch’esso gratuito, per escludere incompatibilità tra sangue di madre e figlio.

Il test per la sifilide e per l’aids: si tratta di malattie che possono essere trasmesse dalla mamma al feto, quindi necessitano di atenzione. Questi test sono offerti gratuitamente a tutte le donne.

Il test per la clamidia, la gonorrea e l’epatite C: sono malattie che possono essere trasmesse dalla mamma al feto. Il test è gratuito solo in caso di fattori di rischio riconosciuti.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Problemi di linguaggio in bimbo di tre anni

21/10/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Daniela Biatta

A fronte di evidenti difficoltà di linguaggio, in un'età in cui ci si aspetta che il bambino sappia utilizzare un certo numero di parole e di frasi compiute, sono opportuni un controllo audiologico e una valutazione da parte del neuropsichiatra infantile.   »

Progesterone o aspirinetta in gravidanza?

12/10/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

I due prodotti medicinali non sono incompatibili: se la condizione della futura mamma lo richiede si possono impiegare tutti e due.   »

Bimbo di sette anni che sfida continuamente la mamma

11/10/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non si può permettere a un bambino di tenere sotto scacco i genitori, disobbedendo e facendo sempre e solo di testa propria. Contenerlo con dolce fermezza è la priorità assoluta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti