Curva glicemica in gravidanza: quando fare l’esame? 

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 05/08/2022 Aggiornato il 05/08/2022

La curva glicemica è un esame consigliato alle donne a rischio di diabete gestazionale perché consente diagnosticare precocemente la malattia e di intervenire nel modo più adeguato

perché serve la curva glicemica in gravidanza

La gravidanza è un evento fisiologico,  che non andrebbe medicalizzato troppo. Questo non significa però che non sia necessario sottoporsi ad alcuni controlli. Al contrario, ci sono una serie di esami che è importantissimo fare per non correre rischi. Fra questi, c’è la curva glicemica, che permette di riconoscere con tempestività un eventuale diabete gestazionale, un problema che colpisce diverse donne incinte. 

Che cos’è il diabete gestazionale?

Il diabete è una malattia che consiste in un’alterazione della glicemia, ossia dei livelli di glucosio nel sangue. Si parla di diabete gestazionale quando questa alterazione compare durante la gravidanza. Secondo i dati epidemiologici, in Italia ne soffre circa il 6-7% delle donne incinte. Si tratta di una malattia da non sottovalutare perché, se non controllata in modo adeguato, può esporre mamma e bebè a una serie di rischi. Per questo, fra gli esami cui ci si dovrebbe sottoporre nell’arco dei nove mesi c’è anche il controllo regolare della glicemia e in alcuni casi anche la curva da carico. 

Come si fa la curva da carico in gravidanza? 

La curva glicemica è un esame semplice, ma che in alcuni casi può risultare fastidioso. Consiste in più prelievi di sangue. Il primo viene effettuato a digiuno e serve per misurare il livello di glicemia basale. Dopo il primo prelievo, la donna viene invitata a bere in poco tempo una soluzione a base di acqua e glucosio (zucchero), che in alcuni casi può provocare nausea e vomito. Quindi, a distanza di un’ora e poi di 120 minuti, viene sottoposta a nuovi prelievi. In genere, si considerano normali valori inferiori a 92 mg/dl a digiuno, inferiori a 180 mg/dl a distanza di un’ora dall’assunzione e a inferiori a 153 mg/dl dopo due ore. 

Quando si fa la curva glicemica in gravidanza?

La curva da carico è consigliata a tutte le donne incinte che hanno almeno un famigliare affetto da diabete, che hanno già sofferto di diabete gestazionale, che soffrono di sovrappeso o obesità, che hanno più di 35 anni, che appartengono a un’entità a rischio (sono originarie cioè di Medio Oriente, Caraibi, Asia meridionale) o che hanno già avuto bambini grossi. Solitamente l’esame viene effettuato fra la 24a è la 28a settimana. In caso di rischio molto elevato, l’esame può essere effettuato già dalla 16a alla 18a settimana. Spetta comunque al ginecologo stabilire quali donne necessitano dell’esame e quando. 

 
 
 

In sintesi

Come ci si sente dopo una curva glicemica?

La soluzione a base di glucosio e acqua è molto dolce e va bevuta velocemente: ecco perché alcune donne possono soffrire di nausea e/o vomito. 

Quando si fa la curva glicemica in gravidanza?

In genere, va effettuata nelle donne a rischio fra la 24a e la 28a settimana di gravidanza su prescrizione del ginecologo. 

Quando la glicemia è alta in gravidanza?

Sono considerati alti valori sopra i 92 mg/dl a digiuno, i 180 a distanza di un’ora e i 153 dopo due ore dall’assunzione di glucosio. 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HCG

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Camera gestazionale piccola dopo la PMA

04/03/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Anche in una gravidanza avviata grazie a un percorso di procreazione medicalmente assistita è possibile che avvenga qualcosa che rallenta lo sviluppo dell'embrione, ma non è detto che quando accade tutto sia perduto.   »

Mal di gola che ritorna dopo la cura con antibiotico

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

A fronte di un mal di gola che si ripresenta dopo quattro giorni dal termine della cura con antibiotico è opportuno fare un tampone per escludere la responsabilità dello streptococco.   »

Aborto spontaneo: l’espulsione potrebbe non avvenire naturalmente?

26/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Dopo un mese da un'interruzione spontanea della gravidanza, se l'utero non si è ripulito spontaneamente, è prassi intervenire con il raschiamento. A volte, in alternativa, è possibile anche impiegare i farmaci.  »

Fai la tua domanda agli specialisti