Diabete gestazionale: c’è lo screening ma non si fa

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 25/10/2017 Aggiornato il 25/10/2017

Nelle donne ad alto rischio di diabete gestazionale è previsto uno screening precoce fra 16 e 18 settimane gestazionali, da ripetere a 24-28 settimane, ma solo una donna su 2 lo fa

Diabete gestazionale: c’è lo screening ma non si fa

Il diabete gestazionale è l’alterazione metabolica più frequente in gravidanza. Eppure, solo la metà delle donne in attesa ad alto rischio di sviluppare la malattia si sottopone allo screening precoce. Il dato arriva da uno studio della Società italiana di diabetologia (Sid), pubblicato sulla rivista Nutrition, Metabolism and Cardiovascular  Diseases e presentato al 53° Congresso europeo di diabetologia da Cristina Bianchi, medico diabetologo nell’Unità operativa di Malattie metaboliche e diabetologia dell’Azienda ospedaliero-universitaria Pisana.

Obesità e glicemia alterata

Le donne ad “alto rischio” di diabete gestazionale sono quelle con problemi di obesità pre-gravidica, alterata glicemia a digiuno (tra 100 e 125 mg/dl) nel primo trimestre di gravidanza o pregresso diabete gestazionale. Sono considerate invece a “medio rischio” le donne incinte con più di 35 anni, familiarità per il diabete, sovrappeso pre-gravidico, peso alla nascita di precedenti figli superiore ai 4 chili. Come spiega Giorgio Sesti, presidente della Sid, “il diabete gestazionale è associato a un elevato rischio di morbilità materna e del neonato, ma la sua diagnosi precoce consente di portare a termine la gravidanza in modo sicuro. Il dato che preoccupa è la bassa proporzione di screening precoce nelle donne ad alto rischio”.

Più di mille donne sotto esame

Il team di ricercatori guidato da Cristina Bianchi ha seguito per due anni nel Centro diabetologico dell’Azienda ospedaliero-Universitaria Pisana 1.338 donne in gravidanza, rilevando che lo screening precoce del diabete gestazionale nelle donne ad alto rischio viene correttamente eseguito solo nel 50% dei casi.

La procedura corretta

Nelle donne ad alto rischio di diabete gestazionale è previsto uno screening precoce fra la 16a e la 18a settimana, da ripetere a 24-28 settimane. Nelle future mamme a “medio rischio” lo screening va invece effettuato fra la 24a e la 28a settimana. Nessuno screening è infine previsto per le donne senza fattori di rischio.

 

 

 
 
 

Da sapere

In sette casi su dieci per tenere sotto controllo il diabete gestazionale è sufficiente seguire una dieta con ridotto contenuto di carboidrati e zuccheri semplici e fare un po’ di movimento.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti