Ecografie di controllo e altri esami

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 23/01/2013 Aggiornato il 23/01/2013

Ecografie di controllo sul feto, ma anche altri esami, come il tampone vaginale e il monitoraggio del battito cardiaco, servono al ginecologo a capire se tutto procede bene in vista del parto

Ecografie di controllo e altri esami

La biometria fetale

Si tratta di un’ecografia con cui si verifica che le dimensioni del feto siano nella norma rispetto all’epoca gestazionale. Consente cioè di vedere se il piccolo ha ricevuto nutrimento a sufficienza. Nel caso non fosse così diventerebbe necessario indurre il parto.

Il monitoraggio del battito cardiaco

È un esame che registra insieme la frequenza cardiaca fetale e la contrattilità dell’utero. Il controllo del ritmo del battito cardiaco permette di rilevare un’eventuale sofferenza del feto e, in questo caso, la necessità di far nascere il bimbo in anticipo. L’esame può essere fatto in due modi: dall’esterno o dall’interno (quest’ultima modalità è possibile solo durante il travaglio). Dall’esterno, l’esame si effettua con il cardiotocografo. La donna viene fatta sdraiare su un lettino e le vengono fissate al pancione, con fasce elastiche, due placche di metallo, collegate a un monitor. Le registrazioni, delle contrazioni da un lato e del battito cardiaco fetale dall’altro, vengono rielaborate dal computer in due tracciati e, dal loro confronto, il ginecologo valuta il benessere del bimbo.

La dopplerflussimetria

Chiamato in termini medici dopplerflussimetria dell’arteria ombelicale, è un’ecografia particolare che consente di verificare le condizioni della circolazione del sangue del feto nel cordone ombelicale, perché è da questo che il piccolo trae il suo nutrimento e attraverso di esso elimina le sostanze di scarto tra cui l’anidride carbonica.

La quantità di liquido amniotico

Con questa ecografia si verifica la quantità di liquido amniotico (tra 500 e 1.500 millilitri) in cui è immerso il piccolo. Quando il bimbo sta bene, cioè riceve il giusto quantitativo di sangue e ossigeno, anche i reni sono ben irrorati dal sangue e, di conseguenza, producono la giusta quantità di urina, che viene rilasciata nel liquido amniotico. Al contrario, se il bambino riceve poco ossigeno, questo viene “mandato” al cuore e al cervello (organi vitali), “risparmiando” sul rene che, di conseguenza produce meno urina. In questo caso, il ginecologo valuta se indurre o meno il travaglio.

Il tampone vaginale

È un esame di laboratorio che analizza le sostanze prodotte dalla vagina con un apposito bastoncino che termina con un piccolo tampone, per accertare l’eventuale presenza in vagina di alcuni batteri che possono dare infezioni locali: in questo caso, ci vorrebbe un altro esame, l’antibiogramma, per stabilire l’antibiotico più adatto a eliminare il batterio responsabile. Viene prescritto a scopo preventivo, perché i batteri eventualmente presenti potrebbero risalire nell’utero e svilupparsi anche al suo interno, creando problemi al feto. Non è un esame di routine, e, anche se prescritto dal medico, richiede il pagamento di un ticket.

L’amnioscopia

Consiste nel controllo del colore del liquido amniotico. Si esegue inserendo in vagina, con uno speculum (un dilatatore), un sottile tubicino che arriva a contatto con il sacco amniotico. Grazie a un sistema di illuminazione, si illumina il sacco e si analizza, attraverso il colore del liquido, lo stato di salute del feto. È un esame ormai poco utilizzato.

In breve

Dalla biometria fetale all'amnioscopia

La biometria fetale, il monitoraggio del battito cardiaco, la dopplerflussimetria, la quantità di liquido amniotico, il tampone vaginale, l’amnioscopia. Sono tutti esami utili per verificare che la gravidanza stia procedendo nel modo corretto, soprattuto in vista del parto.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccino anti-CoVid-19: non è vero che ostacola la fertilità. Anzi.

21/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Non ci sono dati che autorizzino a sostenere che la vaccinazione contro l'infezione da Sars-CoV-2 interferisca sulla fertilità.   »

Fontanella anteriore chiusa in una bimba di 4 mesi: è preoccupante?

20/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se l'accrescimento della circonferenza cranica è regolare e se lo sviluppo neuropsicologico è adeguato all'età, la chiusura precoce della fontanella non deve destare alcuna preoccupazione.   »

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti