L’esame delle urine – 19-23 settimana

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 13/01/2015 Aggiornato il 24/01/2020

Un tempo erano passate dal Servizio sanitario nazionale ma ora non più. Servono a controllare il benessere della mamma e del bimbo nella pancia e possono talvolta essere prescritte dal medico a pagamento

L’esame delle urine – 19-23 settimana

Le analisi delle urine, ormai soltanto a pagamento perché escluse dalla gratuità del Servizio sanitario nazionale, in questo periodo servono per valutare eventuali problemi alle vie urinarie o escludere la presenza di particolari malattie, come la gestosi.

Con il fatto che il ministero della Salute ha escluso dalla gratuità questi controlli, gli esami delle urine non vengono più proposti di routine ma soltanto in base ai casi e su scelta del ginecologo. In genere servono per escludere la presenza di gestosi, diabete o di un’infezione batterica alle vie urinarie (il sistema di condotti che porta l’urina dal rene all’esterno).

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo che si sveglia piangendo: cosa può essere?

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

A fronte di un improvviso cambiamento nei ritmi del sonno è opportuno prima di tutto escludere la presenza di un disturbo fisico.   »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti