L’esame delle urine – 19-23 settimana

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 13/01/2015 Aggiornato il 24/01/2020

Un tempo erano passate dal Servizio sanitario nazionale ma ora non più. Servono a controllare il benessere della mamma e del bimbo nella pancia e possono talvolta essere prescritte dal medico a pagamento

L’esame delle urine – 19-23 settimana

Le analisi delle urine, ormai soltanto a pagamento perché escluse dalla gratuità del Servizio sanitario nazionale, in questo periodo servono per valutare eventuali problemi alle vie urinarie o escludere la presenza di particolari malattie, come la gestosi.

Con il fatto che il ministero della Salute ha escluso dalla gratuità questi controlli, gli esami delle urine non vengono più proposti di routine ma soltanto in base ai casi e su scelta del ginecologo. In genere servono per escludere la presenza di gestosi, diabete o di un’infezione batterica alle vie urinarie (il sistema di condotti che porta l’urina dal rene all’esterno).

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Distacchi della placenta: che fare?

25/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è necessario osservare il riposo assoluto, in caso di distacco placentare, mentre è consigliabile uno stile di vita senza eccessi.   »

Le flash card di anatomia sono adatte a tre anni di età?

19/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Una bimba di tre anni il corpo umano dovrebbe cominciare a conoscerlo partendo dalle varie parti del suo: manine, piedini, nasino, bocca, orecchie e così via.   »

TSH oltre il limite: ci sono rischi in gravidanza?

14/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Un valore di TSH che supera di poco la soglia considerata ottimale non espone il feto a particolari pericoli. A patto però di assumere l'Eutirox e di controllare con regolarità la funzionalità tiroidea.   »

Fai la tua domanda agli specialisti