L’esame delle urine nelle settimane 24-27 di gravidanza

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 13/01/2015 Aggiornato il 03/02/2020

In questa fase l'analisi delle urine serve per escludere la presenza di infezioni alle vie urinarie o gestosi

L’esame delle urine nelle settimane 24-27 di gravidanza

L’esame delle urine con sedimento

Questo controllo va eseguito, secondo quanto previsto dal decreto legge n. 245 del 1998 e confermato dai nuovi Lea del 2017, tra la 24a e la 27a settimana di gravidanza. Si tratta di un esame indispensabile per escludere nella futura mamma la presenza di gestosi (malattia che può fare con maggiore facilità la sua comparsa proprio in questo periodo), diabete o di un’infezione batterica alle vie urinarie (il sistema di condotti che porta l’urina dal rene all’esterno).

L’analisi del sedimento permette di analizzare la presenza di leuocociti, un valore importantissimo, poiché se è alterato significa che è presente un’infezione delle vie urinarie. Può capitare che venga trovato nel sedimento tracce di batteri o miceti, che vanno analizzate tramite urinocoltura. Dalla presenza eventuale di ossalati di calcio o acido urico si può capire anche se la donna beve poco e quindi è disidratata senza che se ne accorga e dovrebbe iniziare subito a bere per evitare la formazione di cristalli che potrebbero dare luogo a calcoli renali.

In caso di batteriuria o leucocituria significativa o in presenza di altri sintomi di infezione urinaria è prevista l’urinocoltura per ricercare batteri e lieviti patogeni. Se positivo, è previsto anche l’antibiogramma, cioè l’identificazione degli antibiotici efficaci per quel tipo di batterio.

Questo esame delle urine è gratuito (non si deve pagare nemmeno il ticket) purché eseguito in una struttura pubblica o convenzionata con il Servizio sanitario nazionale. Lo stesso vale per l’urinocoltura.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HCG

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dopo 4 maschietti arriverà la bambina?

16/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è assolutamente detto che dopo quattro figli maschi il quinto sarà una femminuccia perchè a ogni gravidanza si ripresentano le stesse probabilità di aver concepito un maschio o una bambina.   »

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti