Esami in gravidanza da eseguire nel secondo trimestre

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 08/10/2012 Aggiornato il 08/10/2012

Gli esami nel secondo trimestre sono importanti per verificare il buon andamento della gravidanza sia per la donna sia per il bambino

Esami in gravidanza da eseguire nel secondo trimestre

La visita dal ginecologo

Non rientra tra gli esami da fare in gravidanza, ma è meglio, ogni mese, sottoporsi a un controllo mirato. Il ginecologo, in occasione di ogni visita, verifica l’aumento di peso, misura la pressione arteriosa, si informa sugli eventuali disturbi della donna e sui movimenti del piccolo nel pancione.

L’ecografia morfologica

Questo tipo di ecografia si effettua tra la 19a e la 21a settimana di gravidanza per verificare la regolarità dello sviluppo del feto e viene eseguita facendo scorrere la sonda sull’addome della futura mamma. È chiamata morfologica perché consente di valutare il corretto sviluppo e l’aspetto degli organi del feto (come il cuore, lo stomaco e la spina dorsale). L’esame prosegue con la biometria, cioè il controllo della crescita del feto sulla base di alcuni valori di riferimento, per accertare che le dimensioni del bimbo siano nella norma. Si verifica la posizione della placenta nell’utero, che di solito si trova nella parte alta di quest’organo, e si controlla la quantità del liquido amniotico, la sostanza in cui è immerso il bambino. Infine è possibile essere informati sul sesso del nascituro.

Le analisi del sangue

In base al decreto legge n. 245 del 1998, vanno fatte tra la 24a e la 27a settimana. In genere, vengono prescritti:

l’emocromocitometrico, per controllare che la donna non soffra di anemia;

la ferritina, per valutare le quantità di ferro di riserva a disposizione dell’organismo;

la glicemia, cioè la concentrazione di zuccheri nel sangue, per poter escludere la presenza del diabete gestazionale.

Le analisi delle urine

Il “calendario” di questo esame è stabilito dal decreto ministeriale del 10 settembre 1998. Le analisi delle urine sono sempre gratuite (non si paga nemmeno il ticket), purché eseguite in una struttura pubblica o convenzionata con il Servizio sanitario nazionale.
Tra la 14a e la 18a settimana di gravidanza le analisi delle urine hanno lo scopo di verificare alcuni valori:

gli zuccheri, per capire se la donna soffre di

diabete gestazionale;

le proteine, tra cui l’albumina, la cui presenza nelle urine potrebbe essere il campanello d’allarme della

gestosi;

i batteri, per verificare che non sia in atto un’infezione alle vie urinarie.

Le analisi delle urine vanno ripetute tra la 19a e la 23a settimana e tra la 24a e la 27a settimana di gestazione.

Il tampone vaginale

Tra gli esami in gravidanza, questo è quello che serve ad accertare la presenza in vagina di alcuni batteri responsabili di infezioni locali, che potrebbero risalire nell’utero creando seri problemi al feto. L’esame consiste in un’analisi di laboratorio, che si effettua analizzando le secrezioni vaginali. Viene prescritto quando le perdite vaginali bianche (che entro certi limiti sono un fenomeno normale) hanno una consistenza, un colore o un odore diversi dal solito oppure sono accompagnate da prurito o bruciore.

In breve

Uno per uno gli esami del secondo trimestre

Il tampone vaginale, le analisi delle urine, l’ecografia morfologica, le analisi del sangue. Sono tutti esami da eseguire nel secondo trimestre per valutare il buon andamento della gravidanza.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

La mia gravidanza si è interrotta subito: quando riprovarci?

16/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

Si può cercare un bimbo immediatamente dopo un aborto spontaneo, avvenuto nelle primissime settimane di gravidanza.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Dolicocefalia in bimbo di tre mesi: quali conseguenze?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Questo tipo di malformazione cranica comporta un problema quasi esclusivamente di natura estetica.   »

Fai la tua domanda agli specialisti