Gli esami del sangue – 28-32-settimana di gravidanza

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 13/01/2015 Aggiornato il 29/01/2020

Le analisi del sangue servono al medico per verificare che la gravidanza stia proseguendo normalmente e non siano presenti disturbi nella donna

esami sangue test

Gli esami del sangue

Si effettuano (secondo quanto previsto dal decreto legge n. 245 del 1998 e dal successivo aggiornamento dei Lea del 2017) tra la 28a e la 32a settimana di gravidanza e sono gratuiti se eseguiti nelle strutture pubbliche o convenzionate con il Servizio sanitario nazionale. Gli esami del sangue sono i seguenti:

  • l’emocromocitometrico: con questo esame si controllano la quantità e le percentuali dei globuli bianchi e dei globuli rossi (elementi del sangue) e la concentrazione dell’emoglobina (la proteina che trasporta l’ossigeno ai vari tessuti) e serve ad accertare che la donna non soffra di anemia, un disturbo contraddistinto dalla carenza di queste componenti nel sangue.
  • toxotest: questo esame serve per verificare se ci sono stati contagi da Toxoplasma gondii, il protozoo responsabile della toxoplasmosi pericolosa in gravidanza. Questo esame ricerca nel sangue gli anticorpi specifici, detti in termini medici immunoglobuline, contro il protozoo. In dettaglio, si ricercano due tipi di immunoglobuline: le IgM, che si formano quando c’è un’infezione e quindi avvertono che la malattia è presente e le IgG, che invece rimangono nel sangue a testimonianza che l’organismo in passato ha incontrato il parassita.
  • test di Coombs indiretto: è un esame che serve per identificare nel sangue degli anticorpi specifici che potrebbero attaccare i globuli rossi del feto, alterandone notevolmente lo sviluppo se i due tipi di sangue, quello fetale e quello della madre, venissero in contatto, scatenando la reazione immunitaria da parte dell’organismo della mamma. La conseguenza più grave che potrebbe capitare è una vera e propria malattia, la malattia emolitica, che può portare alla morte in utero. È gratuito, quindi non si paga nemmeno il ticket purché eseguito nella ventottesima settimana di gravidanza in strutture pubbliche.
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Distacchi della placenta: che fare?

25/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è necessario osservare il riposo assoluto, in caso di distacco placentare, mentre è consigliabile uno stile di vita senza eccessi.   »

Le flash card di anatomia sono adatte a tre anni di età?

19/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Una bimba di tre anni il corpo umano dovrebbe cominciare a conoscerlo partendo dalle varie parti del suo: manine, piedini, nasino, bocca, orecchie e così via.   »

TSH oltre il limite: ci sono rischi in gravidanza?

14/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Un valore di TSH che supera di poco la soglia considerata ottimale non espone il feto a particolari pericoli. A patto però di assumere l'Eutirox e di controllare con regolarità la funzionalità tiroidea.   »

Fai la tua domanda agli specialisti