Il test del Dna fetale per la sindrome di Down: facciamo il punto!

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 08/01/2014 Aggiornato il 08/01/2014

È in commercio in Italia dall’inizio dell’anno scorso e negli Usa dal 2011 ma il test del Dna fetale solleva ancora molti dubbi. Ecco una piccola guida

Il test del Dna fetale per la sindrome di Down: facciamo il punto!

Si chiama test “del Dna libero” o “del Dna fetale” e si può eseguire in Italia da circa un anno, dopo che per due è stato usato negli Stati Uniti. È un semplice esame del sangue, che va fatto nel primo trimestre di gravidanza, e permette di identificare con una percentuale vicina al 100% la sindrome di Down e altre alterazioni cromosomiche del bimbo in arrivo.

È molto affidabile

Il test sul Dna fetale non dà la certezza assoluta, ma ci va molto vicino. Individua la trisomia 21, cioè l’alterazione cromosomica che comporta la sindrome di Down (1 su 1000 nati) con il 99,5% di probabilità. Lo stesso vale per le altre due trisomie più comuni, la “18” (sindrome di Edwards, 1 su 6 mila nati) e la “13” (sindrome di Patau, 1 su 10 mila), se pure con un’accuratezza minore, comunque superiore al 90%. I falsi positivi sono, a seconda degli studi, tra lo 0,1 e lo 0,5%.

È un test di screening

Il test sul Dna fetale non è però considerato un esame diagnostico, cioè che da una certezza assoluta, ma solo di screening, quindi probabilistico. Come spiega Nicola Persico, ginecologo e chirurgo fetale della clinica Mangiagalli, “Gli unici esami diagnostici certi sono amniocentesi e villocentesi. Il che significa che se una donna risultasse positiva a uno di questi test, che sono probabilistici, dovrebbe sottoporsi all’esame per confermare la diagnosi. Tutti gli studi comunque sono per ora convincenti: manca, ma è tuttora in corso, un grande studio su una vasta popolazione di gestanti (non solo quelle considerate a rischio), soprattutto per chiarire la quantità di falsi positivi”.

Senza rischi

Il test sul Dna fetale ha comunque un’affidabilità vicinissima a quella degli unici esami diagnostici “sicuri”, cioè amniocentesi e villocentesi, ma senza il rischio di aborto che questi esami comportano. Il pericolo di perdere il bambino con questi esami è infatti intorno all’1%.

Costa circa mille euro

Questo test sul sangue materno è già in commercio con almeno 5 brand diversi a un prezzo molto elevato: 1.000 euro circa. Il sangue, infatti, va spedito in uno dei sei laboratori al mondo che sono in grado per ora di svolgere questa analisi. Al momento non è passato dal Servizio sanitario nazionale e occorrerà aspettare ancora qualche anno prima che lo diventi, in quando le strutture pubbliche dovranno dotarsi di genetisti e personale addestrato.

Non è completo

Luigi Fedele, direttore della clinica di ostetricia e ginecologia della Mangiagalli di Milano, spiega che “ci sono ancora dei limiti in questo test perché non copre tutta la mappa cromosomica e c’è un margine di falsi positivi. È importante poi che questo, come qualsiasi esame prenatale, sia accompagnato da un colloquio, in cui vengano spiegati con chiarezza i limiti e le conseguenze di quello che si sta facendo”.

Attenzione al fai da te

Questo test può essere eseguito ormai in diversi studi privati ma anche tramite in Internet, con un pericoloso fai da te. Tutti gli esperti lo sconsigliano perché, a parte che il referto arriva in inglese e con termini tecnici non di semplice traduzione, non c’è sicurezza sui falsi positivi e sulla corretta interpretazione dei risultati.

 

In breve

DALLA decima settimana di gravidanza

Questo test si esegue con un prelievo di sangue alla futura mamma, in genere dalla decima settimana di gestazione. I risultati arrivano in 10-15 giorni. Si può effettuare in vari laboratori privati. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HCG

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dopo 4 maschietti arriverà la bambina?

16/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è assolutamente detto che dopo quattro figli maschi il quinto sarà una femminuccia perchè a ogni gravidanza si ripresentano le stesse probabilità di aver concepito un maschio o una bambina.   »

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti