Pap test

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 08/07/2020 Aggiornato il 28/07/2020

Il Pap Test (o test di Papanicolaou dal nome di chi lo ha inventato) è un esame salvavita perché in grado di identificare fin dai suoi esordi i tumori al collo dell’utero, per i quali una diagnosi precoce è fondamentale.

In particolare il Pap Test identifica oltre ai tumori anche le alterazioni delle cellule del collo dell’utero che potrebbero portare allo sviluppo di queste malattie. È un test di screening, quindi eseguito su donne sane, a partire dai 25 anni di età ogni tre anni circa. Si esegue facilmente, con le stesse modalità di una visita ginecologica, perché occorre prelevare, con un bastoncino cotonato, una piccola quantità di muco del collo dell’utero e del canale cervicale. Questo campione viene poi mandato in laboratorio per essere analizzato con apposite tecniche di colorazione e analisi computerizzate. L’esame non è doloroso e dura pochi minuti, ma è bene informare il medico che lo esegue che si è in dolce attesa. È offerto gratuitamente anche in gravidanza, meglio al primo trimestre, per tutte le donne di età superiore ai 25 anni che non lo abbiano eseguito nei precedenti 3 anni.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccinazione in bimba di 5 anni: ci sono pericoli se la mamma è incinta?

04/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonio Clavenna

Durante la gravidanza non ci sono rischi se si sottopone il primogenito alla vaccinazione contro difterite-tetano-pertosse-poliomielite.  »

A 9 mesi legumi sì o no?

03/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Chiara Boscaro

I legumi possono essere introdotti nell'alimentazione del bambino a partire dal sesto mese di vita, a patto che siano decorticati.   »

Bimba di due anni problematica: ma lo è davvero?

27/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Ci sono casi in cui non è il bambino a essere particolarmente difficile da gestine, ma i genitori a nutrire aspettative sul suo comprotamento che lui, per via della sua età, non può (ancora) soddisfare.  »

Fai la tua domanda agli specialisti