La prima ecografia per il controllo del feto – 8-13 settimana

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 12/01/2015 Aggiornato il 31/01/2020

L'esecuzione della prima ecografia è gratuita (nelle strutture pubbliche o convenzionate), cioè non si deve nemmeno pagare il ticket

prima ecografia gravidanza

Questo esame, da eseguire preferibilmente entro la 14a settimana di gravidanza ma comunque al primo controllo, è gratuito, cioè non si paga nemmeno il ticket per tutte le donne. Questo anche in base ai nuovi Lea sulla gravidanza del 2017.

La prima ecografia consente di:

  • definire l’epoca gestazionale, cioè la settimana di gravidanza, e quindi la data presunta del parto;
  • individuare la presenza di due o più gemelli;
  • verificare che non si tratti di gravidanza extrauterina, che non si sviluppi cioè al di fuori della sua sede naturale, che è appunto l’utero;
  • rilevare il battito cardiaco del feto.

Come si esegue

Per effettuare l’ecografia, il ginecologo utilizza un’apparecchiatura (detta ecografo) che sfrutta gli ultrasuoni, particolari onde sonore non percettibili dall’orecchio umano. La futura mamma viene fatta sdraiare su un lettino e sull’addome le viene spalmato uno strato sottile di gel, utile per facilitare la trasmissione delle onde sonore.

Poi lo specialista fa scorrere sulla superficie del pancione la piccola sonda che emette gli ultrasuoni: mentre attraversano i tessuti e le diverse strutture organiche, generano delle “onde di ritorno” che vengono raccolte dalla sonda e inviate all’ecografo che le trasforma in immagini visibili su uno schermo. In alcuni casi, se c’è bisogno di un’immagine più particolareggiata e approfondita, si può effettuare anche inserendo la sonda all’interno della vagina vicino all’utero (ecografia transvaginale).

Da sapere

Nei 3-4 giorni precedenti l’ecografia, sarebbe meglio evitare di utilizzare creme o oli sull’addome: diversamente, il gel utilizzato per l’ecografia non riesce a far passare bene gli ultrasuoni e, quindi, l’immagine che arriva sul monitor del medico è meno chiara e precisa.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Distacchi della placenta: che fare?

25/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è necessario osservare il riposo assoluto, in caso di distacco placentare, mentre è consigliabile uno stile di vita senza eccessi.   »

Le flash card di anatomia sono adatte a tre anni di età?

19/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Una bimba di tre anni il corpo umano dovrebbe cominciare a conoscerlo partendo dalle varie parti del suo: manine, piedini, nasino, bocca, orecchie e così via.   »

TSH oltre il limite: ci sono rischi in gravidanza?

14/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Un valore di TSH che supera di poco la soglia considerata ottimale non espone il feto a particolari pericoli. A patto però di assumere l'Eutirox e di controllare con regolarità la funzionalità tiroidea.   »

Fai la tua domanda agli specialisti