Test del Dna in gravidanza: evita l’amniocentesi e rileva la sindrome di Down

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 14/08/2013 Aggiornato il 14/08/2013

Dall’Inghilterra arriva il test del sangue per le donne in gravidanza in grado di rilevare già dal primo trimestre la sindrome di Down

Test del Dna in gravidanza: evita l’amniocentesi e rileva la sindrome di Down

Dall’Inghilterra arriva il test del sangue non invasivo in grado di rilevare già dal primo trimestre di gravidanza, e con precisione, la presenza della trisomia 21 o sindrome di Down, e altre anomalie fetali genetiche, evitando così l’amniocentesi.

Lo studio inglese

A idearlo sono stati i ricercatori dell’Harris Birthright Research Centre for Fetal Medicine, presso il King’s College Hospital di Londra. “Il test da effettuare in gravidanza si basa sul Dna fetale – spiegano i ricercatori -: non solo è meno invasivo, ma può essere eseguito in anticipo e produce un numero minore di risposte errate dei metodi finora utilizzati per rilevare la trisomia 21”.

Che tipo di esame è

L’esame prenatale si basa sull’analisi del Dna fetale attraverso il sangue della mamma. Questo nuovo test per la gravidanza si sarebbe dimostrato superiore a tutti gli altri e più affidabile. Il test viene eseguito sul Dna delle cellule fetali per mezzo del sangue della donna incinta. È altamente sensibile e specifico.

Gravidanze sotto esame

Lo studio è stato condotto su 1.005 gravidanze: esso ha stabilito come il test del sangue produca un minor numero di falsi positivi, cioè quando viene rilevata erroneamente una possibile trisomia 21 a carico del feto. I falsi positivi sono stati lo 0,1% rispetto al 3,4% prodotto dallo screening combinato attualmente in uso. Il test del sangue, chiamato cfDna, ha la possibilità di anticipare la diagnosi alla decima settimana di gravidanza, a differenza degli altri metodi eseguibili di norma tra le 11 e 13 settimane di gestazione.

Il parere dei ricercatori

“Questo studio ha dimostrato che il vantaggio principale di test cfDNA, rispetto al test combinato, è la sostanziale riduzione del tasso di falsi positivi – sottolineano gli autori -. Altro grande vantaggio del test cfDna è la segnalazione dei risultati come rischio molto alto o molto basso, il che rende più facile per i genitori decidere se eseguire o no i test invasivi”.

In breve

MOVIMENTI ANTIABORTISTI SUL PIEDE DI GUERRA

L’ultimo test sul sangue ha sollevato fin dalla sua comparsa l’opposizione delle associazioni antiabortiste nel Regno Unito e in Germania. Contro il test (attualmente disponibile anche in Italia) si sono schierati i movimenti pro-vita sostenendo che, come l’amniocentesi, si tratti di un mezzo con caratteristiche di selezione eugenetica, che favorisce l’aborto e discrimina le persone con sindrome di Down.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HCG

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti