Test prenatali non invasivi: sì per tutte le donne

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 07/04/2021 Aggiornato il 07/04/2021

La Fondazione Onda chiede che i test prenatali non invasivi (Nipt) siano garantiti a tutte le donne su tutto il territorio nazionale. Ecco perché

Test prenatali non invasivi: sì per tutte le donne

Quando una coppia scopre di aspettare un bambino, in genere, prova un mix di emozioni diverse: non solo felicità, stupore e incredulità, ma anche paura. È normale chiedersi se tutto procederà per il meglio e se il bambino sarà sano. Oggi esistono alcune indagini che permettono di valutare lo stato di salute del bebè. Fra queste anche i test prenatali non invasivi (Nipt), che stimano il rischio di anomalie cromosomiche  in maniera precoce. Il problema è che attualmente sono proposti in regime privatistico. Per questo, Onda, Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere, si sta battendo affinché vengano offerti dal Servizio sanitario nazionale su tutto il territorio.

Un’opportunità per le donne

 Secondo gli esperti, i test prenatali non invasivi rappresentano un’opportunità importante per tutte le coppie che aspettano un bambino. “Sono considerati dalle più importanti Società scientifiche di settore strumenti di screening utili, innovativi e affidabili in considerazione dell’elevata sensibilità e specificità rispetto alle principali patologie cromosomiche. Altri importanti vantaggi sono la precocità e la sicurezza che contribuiscono alla maggior serenità della futura mamma” spiega Francesca Merzagora, Presidente di Fondazione Onda.

Il progetto di Onda

Per queste ragioni, nel 2019 Onda ha iniziato un progetto che mira a sensibilizzare istituzioni centrali e regionali sui vantaggi dei Nipt per una famiglia e ha presentato domanda per inserirli nei Lea, i livelli essenziali di assistenza. L’obiettivo è garantire a tutte le donne un accesso equo e omogeneo a questi test di screening indipendentemente dalla regione di appartenenza.

Che cosa sono

 Ma che cosa sono i Nipt? Si tratta di test di screening prenatale, che consistono nel prelievo di un campione di sangue da donne che siano incinte da almeno 10 settimane. Il campione viene poi esaminato in laboratorio per l’analisi del DNA fetale, alla ricerca di eventuali anomalie cromosomiche. Questi test sono in grado di valutare il rischio delle principali anomalie cromosomiche, tra cui la trisomia 21 (sindrome di Down), la trisomia 18 e la trisomia 13. Alcuni Nipt permettono anche di determinare il sesso del bambino.

 Amniocentesi e villocentesi sono un’altra cosa

I Nipt non vanno confusi con l’amniocentesi e la villocentesi, che sono tecniche diagnostiche più invasive: infatti, prevedono il prelievo diretto di cellule del bambino dal liquido amniotico o dalla placenta tramite un ago. Tuttavia, rispetto ai Nipt danno risultati certi: permettono di accertare la presenza, o meno, di eventuali anomalie congenite o di malattie genetiche.

 

 

 
 
 

Da sapere!

L’Emilia-Romagna ha avviato l’offerta dei test prenatali non invasivi come test di screening universale. Attualmente le tecniche di screening prenatale in uso comprendono l’ecografia prenatale e il Bi-Test che, come i Nipt, consentono di stimare il rischio ma non di formulare una diagnosi.    

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimba di due anni che al nido non mangia nulla

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Può capitare che un bambino si rifiuti di mangiare al nido. Ma è solo questione di tempo: a mano a mano che impara ad accettare di buon grado il distacco, perché comprende che la mamma torna sempre, tutto si risolve.   »

Quarto cesareo: ci saranno problemi?

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo è sempre un intervento difficile per i medici, perché è possibile che i precedenti abbiano lasciato aderenze tra i tessuti uterini e gli organi circostanti, ma questo non significa che non possa andare comunque tutto per il meglio.  »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti