Un test del sangue materno può diagnosticare la sindrome di Down

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 31/07/2013 Aggiornato il 31/07/2013

È disponibile un nuovo test diagnostico non invasivo per rilevare la sindrome di Down in gravidanza. Si effettua già alla decima settimana di gestazione

Un test del sangue materno può diagnosticare la sindrome di Down

Da oggi c’è un test in grado di diagnosticare la sindrome di Down già alla decima settimana di gestazione. Si tratta di un test non invasivo per rilevare problemi al feto durante la gravidanza, poiché basta semplicemente un’analisi del sangue. Il test prevede un prelievo di Dna fetale all’interno del sangue materno.

Di che cosa si tratta

Il nuovo metodo è stato messo a punto da Kypros Nicolaides del King’s College di Londra, secondo quanto pubblicato dalla rivista Ultrasound in obstetrics & gynecology. Il test prevede un prelievo di Dna fetale all’interno del sangue materno. Tale prelievo risulta più accurato del bitest attualmente in uso.

Lo screening del Dna

Oltre al tri-test e all’amniocentesi, quali altri esami possono essere fatti per scoprire precocemente la sindrome di Down? Esistono dei segni o sintomi particolari che rivelano tale problema? Attualmente per diagnosticare questo tipo di anomalie cromosomiche si usa il test combinato (o bitest) che è un esame di screening che associa all’esame ecografico della translucenza nucale, un’analisi del sangue materno.

In passato: il bitest

Il bitest non diagnostica la sindrome di Down ma fornisce il grado di probabilità che il feto sia affetto da questa anomalia cromosomica. Se le probabilità sono alte, la gestante può sottoporsi all’amniocentesi, un esame invasivo che ha una percentuale di aborto pari circa all’1%.

In futuro: un nuovo esame

Rispetto all’amniocentesi, il nuovo esame, invece, è del tutto innocuo, in quanto si basa su uno screening del Dna fetale che si trova nel sangue materno. Inoltre, ha il vantaggio di potersi effettuare già alla decima settimana di gestazione. A oggi è stato sperimentato su 1.005 gravidanze. Potrebbe anche essere a sua volta combinato al bitest.

Che cos’è la sindrome di Down

La sindrome di Down (o trisomia 21) è una malattia caratterizzata dalla presenza di un cromosoma 21 in più; nella maggior parte dei casi, ciò accade per un errore nella separazione dei cromosomi.

In breve

LA FREQUENZA DELLA SINDROME DI DOWN

La frequenza della sindrome di Down, costante in tutte le etnie, è elevata nonostante che il 78% dei feti colpito da questa anomalia cromosomica venga abortito spontaneamente. Studi epidemiologici confermano inequivocabilmente che l’incidenza della sindrome è strettamente dipendente dall’età materna (maggiore ai 35 anni).

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dodicenne con tosse abbaiante, incessante, resistente alle cure

30/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta escluse le cause organiche, occorre pensare che la comparsa di una tosse che non risponde ad alcuna cura e non dà tregua durante la giornata sia in relazione con un disagio emotivo che può avere come origine un problema legato alla scuola (e ai compagni).   »

Contrazioni precoci: può accadere anche nella seconda gravidanza?

27/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Bisogna mettere in conto che l'accorciamento della cervice, determinato dalla comparsa, molto prima del tempo, di contrazioni uterine, è un'eventualità che può ripresentarsi a ogni successiva gravidanza.   »

Integrazione di vitamina D: fino a che età è consigliata?

16/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La decisione di continuare a somministrare al bambino la vitamina D anche dopo l'anno di vita va presa con l'aiuto del pediatra curante, che ben conosce i propri piccoli pazienti grazie ai controlli periodici.   »

Fai la tua domanda agli specialisti