Farmaco anti-nausea in gravidanza: sì, no, forse…

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 23/12/2013 Aggiornato il 23/12/2013

L’assunzione del più comune farmaco anti-nausea nei nove mesi non è associato a un aumento di rischio di malformazioni congenite né di aborto spontaneo, ma è sempre meglio evitare…

Farmaco anti-nausea in gravidanza: sì, no, forse…

Una buona notizie per le donne in gravidanza afflitte da nausea e vomito: il farmaco più assunto comunemente come anti-nausea in gravidanza, (la metoclopramide) non è associato a un aumento del rischio di malformazioni maggiori congenite né aborto spontaneo. È quanto riporta la rivista medico-scientifica internazionale Jama, basandosi su uno studio condotto da Bjorn Pasternak dello Statens Serum Institut in Danimarca. La ricerca danese ha preso in esame oltre 40mila donne trattate con il farmaco anti-nausea a base di metoclopramide nelle prime settimane di attesa. Ebbene, non sono emersi aumenti dei tassi di parto pretermine, di basso peso alla nascita e né diminuzione della crescita fetale associata all’uso del farmaco.

Una molecola usata da anni

Il metoclopramide è il farmaco anti-nausea per eccellenza. Si tratta di un antiemetico (inibisce il riflesso del vomito) e gastroprocinetico (stimola e coordina la motilità del tratto superiore dell’apparato digerente). In particolare favorisce lo svuotamento dello stomaco e diminuisce il reflusso dal duodeno nello stomaco e nell’esofago. Da anni è anche usata per il trattamento della nausea e del vomito durante la gravidanza.

L’invito è alla prudenza

In Italia e in molti altri Paesi, tuttavia, l’uso di metoclopramide nel primo trimestre di gravidanza resta controindicato. Per un eventuale utilizzo nelle fasi successive della gravidanza si deve tenere presente che i prodotti antiemetici, in generale, devono essere impiegati soltanto nei casi di particolare gravità e sempre solo se prescritti dal ginecologo. La metoclopramide, infine, è escreta nel latte materno e pertanto se ne dovrebbe evitare l’utilizzo durante l’allattamento al seno.

In breve

CHIEDERE SEMPRE AL GINECOLOGO

La nausea è un disturbo molto frequente in gravidanza e può risultare parecchio fastidioso. Prima di assumere qualsiasi farmaco, però, occorre chiedere al ginecologo.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perché il bimbo in utero non si vede ancora?

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se l'ovulazione avviene più tardi rispetto all'ipotesi può accadere che l'embrione non sia visibile ecograficamente nell'epoca della gravidanza in cui generalmente lo è già.   »

SOS crisi di pianto inconsolabile

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta appurato che il lattante piange per via delle "coliche dei tre mesi", non resta che attendere pazientemente che le crisi a poco a poco diminuiscano fino a sparire. Nella ceretzza che le sue urla disperate sono espressione di forza e di salute.   »

Peso: quale aumento a quattro mesi di vita?

19/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

L'aumento di peso ha un andamento influenzato da alcune variabili, tuttavia intorno al quinto mese di vita dovrebbe essere doppio rispetto a quello presentato alla nascita.   »

Fai la tua domanda agli specialisti