Fumare in gravidanza danneggia il feto: si capisce dai movimenti!

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 08/05/2015 Aggiornato il 08/05/2015

Fumare in gravidanza causa movimenti anomali nel feto, che segnalano un ritardo nello sviluppo del sistema nervoso. Ma non è l’unico rischio

Fumare in gravidanza danneggia il feto: si capisce dai movimenti!

Il fumo in gravidanza può avere conseguenze anche gravi sullo sviluppo del bambino. Si sapeva che provoca un maggior rischio di basso peso alla nascita, aborto spontaneo e complicazioni durante la gravidanza. Ora si sa anche di un ritardo nello sviluppo del sistema nervoso. La nicotina, passando la placenta, influisce proprio sul suo sistema nervoso in formazione, mentre il monossido di carbonio riduce l’apporto di ossigeno.

Si muove di più (ma non è un bene)

Secondo uno studio della Durham University (Regno Unito), una “traccia” degli effetti nocivi del fumo sulla salute del nascituro è data dai movimenti fetali nel pancione. I ricercatori, sottoponendo a ecografia in 4 D diverse future mamme in visita presso un ospedale inglese, hanno scoperto che i figli delle donne che fumavano in media 14 sigarette al giorno si muovevano più degli altri.

Minore controllo sui movimenti

Il motivo, secondo gli scienziati, potrebbe essere un ritardo nello sviluppo del sistema nervoso centrale causato dall’esposizione al fumo, che rallenterebbe l’acquisizione della capacità di controllo del bambino sui propri movimenti. In attesa di conferme (è necessario uno studio più ampio per capire gli effetti specifici del fumo sul feto), gli esperti ribadiscono che il fumo in gravidanza può avere conseguenze anche gravi sullo sviluppo del bambino.

Non fumare nemmeno una volta nato il bimbo

Ma è pericoloso anche mentre si allatta, perché influisce sulla produzione e sulla qualità del latte materno. Nei primi anni di vita del bambino, il fumo passivo è associato a: infezioni polmonari, irritazioni a occhi, tosse e disturbi respiratori, aumento del rischio di crisi di asma e otiti.

E quando si decide di avere un figlio

Il fumo in gravidanza può avere conseguenze anche gravi sullo sviluppo del bambino, ma ha un effetto negativo anche in fase di concepimento: nelle donne può danneggiare le ovaie, ridurre la fertilità o essere causa di menopausa precoce. Nell’uomo incide sulla motilità degli spermatozoi e quindi sulla fertilità del liquido seminale.

Se si smette il rischio si annulla

Tuttavia, se una donna smette di fumare appena si accorge di essere incinta, il nascituro ha la stessa probabilità di nascere sano del figlio di una donna che non ha mai avuto il vizio delle sigarette. Da un’indagine condotta dall’Istituto superiore di sanità nel 2009, emerge che circa il 70% delle fumatrici ha smesso durante la gestazione, portando al 7% la prevalenza stimata di donne in dolce attesa dipendenti dalla sigaretta.

 

da sapere

QUANTI SONO I FUMATORI

Il fumo uccide una persona ogni 6 secondi. L’Organizzazione mondiale della sanità calcola che quasi 6 milioni di persone perdono la vita ogni anno per i danni da tabagismo. Oltre 600mila sono non fumatori esposti al fumo passivo.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Nonna che svaluta i genitori: che fare?

18/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non si possono tollerare gli atteggiamenti prevaricatori dei nonni (né di altri parenti che si occupano dei bambini): in caso contrario si espongono i figli a vari rischi.   »

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti