Fumare in gravidanza mette in pericolo il cuore del bebè?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 30/06/2014 Aggiornato il 30/06/2014

Gravidanza e fumo: secondo un nuovo studio aumenta il rischio di malattie congenite al cuore del feto

Fumare in gravidanza mette in pericolo il cuore del bebè?

La sigaretta è dannosa in tutte le epoche della vita. Ma lo è a maggior ragione durante lo sviluppo fetale. Per questo, gli esperti consigliano a tutte le future mamme di non fumare in gravidanza. L’ennesima conferma arriva da uno studio condotto da un team di ricercatori americani, del Seattle Childern’s hospital, presentato a un congresso di pediatria a Vancouver, in Canada, sugli effetti del fumare in gravidanza.

A rischio il cuore dei neonati

La ricerca ha riguardato oltre 76mila bambini nati fra il 1989 e il 2011. Di questi, circa 62mila erano sani, mentre 14mila presentavano anomalie cardiache congenite. Gli autori hanno analizzato le cartelle cliniche della gestazione per capire se le loro madri avessero continuato a fumare in gravidanza. Lo scopo era capire se l’esposizione al fumo durante la vita intrauterina potesse in qualche modo influire sulla salute del cuore dei bebè.

Maggior rischio di seri difetti cardiaci

Dall’analisi dei risultati, è emerso che il 10% delle donne ha continuato a usare le sigarette durante i primi mesi di attesa. Inoltre, si è visto che i bimbi le cui madri non avevano evitato di fumare in gravidanza presentavano un rischio maggiore di sviluppare malattie cardiovascolari. Più precisamente, è stato calcolato che questi bebè avevano dal 50 al 70% di possibilità in più di nascere con difetti alle valvole cardiache e ai vasi che trasportano il sangue ai polmoni. Non solo. Avevano anche il 20% di rischio in più di difetti al setto atriale, la parete che separa le due camere del cuore. Si tratta di disturbi che, spesso, richiedono interventi chirurgici invasivi.  

Attenzione anche al fumo passivo

“Più si fuma e più si rischia e le donne fumatrici che hanno superato i 35 anni di età corrono rischi ancora maggiori” ha spiegato Patrick Sullivan, coordinatore dello studio. Per questo, è essenziale che le future mamme rinunciano alle sigarette, se possibile già dal momento in cui decidono di avere un bimbo, e non si espongano al fumo passivo.

In breve

QUANDO DIPENDE DAL FUMO

Secondo gli esperti, dall’1 al 2% di tutti i difetti cardiaci dei bebè sono imputabili all’esposizione al fumo durante la vita intrauterina. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perché il bimbo in utero non si vede ancora?

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se l'ovulazione avviene più tardi rispetto all'ipotesi può accadere che l'embrione non sia visibile ecograficamente nell'epoca della gravidanza in cui generalmente lo è già.   »

SOS crisi di pianto inconsolabile

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta appurato che il lattante piange per via delle "coliche dei tre mesi", non resta che attendere pazientemente che le crisi a poco a poco diminuiscano fino a sparire. Nella ceretzza che le sue urla disperate sono espressione di forza e di salute.   »

Peso: quale aumento a quattro mesi di vita?

19/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

L'aumento di peso ha un andamento influenzato da alcune variabili, tuttavia intorno al quinto mese di vita dovrebbe essere doppio rispetto a quello presentato alla nascita.   »

Fai la tua domanda agli specialisti