Fumo in gravidanza: a rischio l’udito del bambino

Roberta Camisasca A cura di Roberta Camisasca Pubblicato il 01/08/2018 Aggiornato il 01/08/2018

Il fumo in gravidanza ha diversi effetti sul bebè in arrivo: tra questi anche un aumentato rischio di disturbi dell’udito. Ecco perché

Fumo in gravidanza: a rischio l’udito del bambino

I bimbi esposti al fumo in gravidanza ma anche dopo la nascita hanno un maggior rischio di soffrire di disturbi dell’udito a 3 anni. Il rischio è raddoppiato per chi è esposto sia in utero sia nei primi mesi di vita. Lo rivela una ricerca dell’Università di Kyoto (Giappone) condotta su 50.734 bimbi.

L’esposizione al fumo passivo

Dallo studio è emerso che i bimbi le cui mamme fumavano mentre erano incinte hanno un rischio di problemi di udito a 3 anni maggiore del 68% dei bimbi non esposti mai a fumo passivo; i bimbi esposti al fumo materno in età neonatale (a 4 mesi) hanno un rischio del 30% in più di problemi di udito e quelli esposti sia al fumo in gravidanza sia in età neonatale hanno un rischio molto più elevato (più del doppio) pari a 2,4 volte in più di manifestare problemi dell’udito a 3 anni.

Più aborti, parto prematuro e basso peso alla nascita

Il rischio di problemi di udito è, infine, del 26% in più per i bimbi le cui mamme sono ex-fumatrici e hanno smesso con l’inizio della gravidanza. Numerosi studi dimostrano come il fumo in gravidanza sia associato anche a un aumento delle percentuali di aborti spontanei, nascite premature, rischio di gravidanza multipla, basso peso alla nascita con morbilità e mortalità correlate.

Danni anche alla fertilità

Molti gli effetti anche sulla fertilità femminile: da problemi di ovulazione e danni a ovaie e a ovociti, fino a menopausa precoce e aumento del rischio di cancro. La percentuale di donne con un ritardo di concepimento di oltre 12 mesi è più alta del 54% tra le fumatrici rispetto alle non fumatrici.

 

Lo sapevi che?

In Italia le donne che fumano sono poco meno della metà e il 38% fuma ogni giorno. Sono 14 su 100 quelle che praticano il fumo in gravidanza, mentre in allattamento la percentuale arriva a 11 su 100, secondo i dati del sistema di sorveglianza Passi.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo di tre anni che colora fuori dai bordi

23/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

E' normale che a tre anni il bambino non riesca ancora a colorare una sagoma senza uscire dai bordi, quindi insistere affinché lo faccia rappresenta solo un'inutile forzatura.   »

Bimba che vuole solo il papà dopo l’arrivo della sorellina

20/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Dopo la nascita di un fratellino, è positivo che il maggiore crei un legame speciale con il padre e la mamma, anziché sentirsi messa da parte, dovrebbe esserne contenta.   »

L’uso del cellulare è nocivo in gravidanza?

13/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Aldo Messina

Durante la gestazione, è davvero poco probabile, anzi si può quasi escludere, che l'utilizzo del telefonino possa avere ripercussioni negative sul bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti