Gonorrea in aumento, attenzione in gravidanza

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 13/09/2016 Aggiornato il 13/09/2016

Aumentano i casi di gonorrea specialmente tra i giovanissimi. Il pericolo maggiore si corre in gravidanza: a rischio la salute di mamma e bebè

Gonorrea in aumento, attenzione in gravidanza

La gonorrea è un’infezione pericolosa se contratta in gravidanza. Causata da un batterio, il Neisseria gonorrhoeae, si contrae per via sessuale (tramite rapporti sia etero sia omosessuali) e, complici l’inizio dell’attività sessuale sempre più precoce e la poca informazione, risulta in aumento soprattutto tra i giovanissimi.

In aumento da due anni

È ciò che emerge dal Rapporto epidemiologico annuale del Centro europeo per il controllo delle malattie (Ecdc). L’aumento è iniziato nel 2014, con un 25% in più rispetto al 2013 e oltre 66.400 casi, ovvero 20 episodi ogni 100mila abitanti nell’Unione europea. Nel 38% dei casi colpisce giovani dai 15 ai 24 anni, nel 34% tra i 25 e i 34 anni.

Attenzione ai sintomi

Le percentuali più elevate si sono registrate nel Regno Unito, in Irlanda, Danimarca e Lettonia. In Italia si segnalano ogni anno all’incirca un centinaio di casi, di cui più della metà asintomatici sia nell’uomo sia nella donna. Nella donna, infatti, l’infezione può restare silente ed essere scoperta solo in seguito alla diagnosi di uretrite gonococcica nel partner sessuale, oppure può caratterizzarsi con una cervicite mucopurulenta o sanguinamento da contatto, dolore al basso ventre e infezioni faringee e anali.

Quali conseguenze

La gonorrea può complicarsi sviluppando bartolinite, una problematica che interessa le ghiandole di Bartolini, ma anche endometrite, peritonite o salpingo-ooforite, un’infiammazione di ovaie e tube uterine che può portare alla sterilità. Ma soprattutto la gonorrea è un’infezione pericolosa se contratta in gravidanza: può causare rottura prematura delle membrane, parto prematuro e corioamnionite, un’infezione che colpisce le membrane fetali e il liquido amniotico. Mentre per il nascituro l’infezione può colpire gli occhi e causare la congiuntivite, oppure causare, tra i 3 e i 21 giorni di vita, l’artrite settica. La complicanza più probabile nell’uomo è l’orchite, un’infiammazione dei testicoli responsabile di alcuni casi di infertilità.

Come si cura

La cura della gonorrea prevede l’impiego di antibiotici, da estendere anche al partner, in quanto non si conosce il periodo di incubazione. Sono potenzialmente a rischio tutti i partner con i quali vi sia stato un rapporto nelle 4 settimane precedenti alla diagnosi.

 

 

 
 
 

lo sapevi che?

Per avere informazioni su tutte le malattie sessualmente trasmesse in modo gratuito e anonimo puoi chiamare il numero verde 800.861.061.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tampone positivo allo streptococco durante la gravidanza

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono delle indicazioni da seguire quando si risulta positive allo streptococco in prossimità del parto, prima tra tutte recarsi con urgenza in Pronto soccorso fin dalla prima comparsa delle contrazioni.   »

Paroxetina: si può assumere nel periodo preconcezionale e poi in gravidanza?

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In relazione agli psicofarmaci, nel periodo del concepimento e poi durante la gravidanza è importante assumerli sotto la guida dello psichiatra e del ginecologo, in accordo tra loro.   »

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Fai la tua domanda agli specialisti