Gravidanza: attenzione a due tipi di insetticidi

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 11/02/2014 Aggiornato il 11/02/2014

L’esposizione in gravidanza a due tipi di insetticidi potrebbe mettere a rischio la salute del bebè, con effetti negativi sullo sviluppo del cervello  

Gravidanza: attenzione a due tipi di insetticidi

Alla larga dagli insetticidi. L’allarme arriva da un gruppo di esperti dell’Efsa (Autorità europea per la sicurezza alimentare) e riguarda due prodotti: acetamiprid e imidacloprid. Secondo gli scienziati, l’esposizione in gravidanza a dosi elevate di questi insetticidi potrebbe mettere a rischio lo sviluppo del bebè.

Derivati della nicotina

Uno studio, uscito sulla rivista Plos One, ipotizza che le sostanze chimiche contenute nei due prodotti contenenti neonicotinoidi (derivati dalla nicotina, diretti a colpire il sistema nervoso centrale degli insetti, causandone la morte), possano interagire con alcuni recettori cerebrali dell’organismo in fase di sviluppo, danneggiando le cellule. Il rischio è di compromettere funzioni importanti, come l’apprendimento e la memoria.

Abbassare i livelli

Mentre sono in corso studi per fornire dati più precisi sulla neurotossicità di questi composti nella fase di sviluppo, i ricercatori chiedono di abbassare i livelli guida attuali per l’esposizione ammissibile ai due insetticidi, sia della popolazione comune sia delle donne in gravidanza. La cosiddetta “dose giornaliera ammissibile” è la quantità quotidiana di una sostanza, contenuta negli alimenti o nell’acqua potabile, che può essere ingerita senza rischi per la salute.

Attenzione anche in casa

Intanto si invitano le donne in gravidanza a limitare il più possibile l’utilizzo di insetticidi domestici, anche di origine naturale. In caso di disinfestazione della casa, è bene chiudere bene gli armadietti della cucina e coprire i ripiani, arieggiare la stanza e far uscire completamente i vapori. Se nel vicinato vengono spruzzate grandi quantità di insetticidi, è bene evitare di restare all’aperto per un paio di giorni. In genere, comunque, una breve esposizione indiretta non è pericolosa. Il rischio aumenta per chi lavora in fabbrica o nei campi sottoposti a trattamenti intensivi. 

In breve

SOSTANZE MOLTO DIFFUSE

Spruzzati sulle foglie o cosparsi sul terreno, i neonicotinoidi sono fra gli insetticidi più diffusi attualmente utilizzati in agricoltura su mais, alberi da frutto, patate e altre colture. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HCG

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti