Gravidanza: attenzione anche allo stress dei papà

Roberta Camisasca A cura di Roberta Camisasca Pubblicato il 06/11/2019 Aggiornato il 06/11/2019

Una ricerca indaga per la prima volta l’influsso dello stress dei papà, durante la gravidanza delle compagne, sul futuro del bebè in arrivo.

Gravidanza: attenzione anche allo stress dei papà

Non son solo le donne a dover stare attente allo stress e alla depressione durante la gravidanza. Anche i padri, durante la dolce attesa della compagna, se in preda a stress e umore depresso potrebbero influire sulla salute futura del bambino, aumentando le probabilità che questi soffrano di disturbi emotivi e comportamentali. Confrontando i bambini nati da genitori non depressi con i figli di papà afflitti da stress, a due anni questi ultimi sono risultati più capricciosi, inquieti, in preda a pensieri preoccupanti, angoscianti, terrorizzati da nuove situazioni. 

Ricadute sui figli

L’indagine che ha dimostrato questo legame è stata effettuata in tre università di Cambridge, Birmingham, New York e Leida ed è stata pubblicata sulla rivista Development & Psychopathology. Gli scienziati hanno somministrato dei test valutativi a 438 genitori alla loro prima gravidanza, ripetendoli poi sui figli a 14 e 24 mesi di vita. I risultati dimostrano che sia l’equilibrio psicoemotivo di entrambi i genitori sia la presenza di eventuali situazioni conflittuali all’interno della coppia genitoriale possono determinare importanti problemi emotivi nei figli durante la loro infanzia.

Si tratta del primo studio scientifico che indaga l’influsso sui figli dello stato emotivo e psicologico delle mamme ma soprattutto dei papà, sia prima sia dopo la nascita, in quanto fino a questo momento l’esperienza della paternità era sempre stata considerata un mondo a parte rispetto a quella materna oppure non veniva valutata per nulla. Ora invece questo studio ipotizza che le difficoltà psicologiche ed emozionali vissute da entrambi i genitori nelle prime relazioni con il figlio possono avere ripercussioni a lungo termine. Già altri studi lo avevano evidenziato: lo stress vissuto dai papà durante la gravidanza della compagna, ma anche dopo la nascita del bambino, può influenzare lo sviluppo cerebrale dei figli, predisponendoli a problemi come la depressione, perché modifica la funzionalità del “serbatoio” in cui matura il liquido seminale maschile.

Più rischi di depressione

Le ricerche dimostrano anche come un contesto di forte stress durante i primi anni di vita può essere alimentato da una soggettiva vulnerabilità agli stress determinata dal proprio patrimonio genetico (alcune varianti geniche possono rendere alcuni soggetti più vulnerabili di altri allo sviluppo di psicopatologie come la depressione).

Importante il sostegno

Lo scopo dell’indagine è sottolineare l’importanza di un sostegno psicologico strutturato rivolto ai futuri genitori sia durante la gravidanza che dopo la nascita del bambino. Attraverso supporti puntuali ed efficaci, le coppie vanno preparate al passaggio alla genitorialità per tutelare tutta la famiglia e garantire un sano sviluppo psicoemotivo del bebè.

 

 

 

 
 
 

Lo sapevi che?

Un ambiente stressante in gravidanza è correlato a un maggior rischio di parto pretermine e minor peso del neonato.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HCG

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Colesterolo alto in gravidanza: ci sono rischi per il bambino?

14/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Durante la gravidanza un aumento del valore del colesterolo (entro certi limiti) è fisiologico, tuttavia ogni caso va considerato a sé quindi spetta al ginecologo curante stabilire, in base alla storia clinica della singola donna, se l'incremento può essere o no la spia di qualcosa che non va.   »

Bassa statura di una ragazzina in prossimità del menarca: aumenterà ancora un po’?

09/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

La statura è influenzata in modo rilevante dalla genetica, ma gioca un suo ruolo anche l'eventualità che il bambino sia nato pretermine. In ogni caso, anche dopo l'arrivo della prima mestruazione (menarca) le ragazze in genere continuano a crescere di alcuni centimetri.  »

Ginnastica prepuziale nei piccolissimi: perché non si deve fare?

08/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Forzare il prepuzio di un piccolino a scendere verso il basso fino a scoprire il pene può essere pericoloso. la fimosi fisiologica è un meccanismo di difesa voluto dalla natura che fa sempre le cose per bene.   »

Fai la tua domanda agli specialisti