Gravidanza: curare un tumore non sempre danneggia il bebè

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 12/11/2014 Aggiornato il 12/11/2014

Sottoporsi a cure anti-tumorali durante la gravidanza non metterebbe necessariamente a rischio la salute del bambino

Gravidanza: curare un tumore non sempre danneggia il bebè

Scoprire di avere un tumore genera sempre un turbinio di emozioni e dolore. A maggior ragione in gravidanza, quando alle preoccupazioni “normali” si aggiungono quelle per la salute del bebè. Ma a differenza di quanto credono in molti, non in tutti i casi la donna è costretta a scegliere fra la propria vita a quella del bambino. La conferma arriva da due recenti studi presentati nel corso del congresso della Società Europea di Oncologia medica (Esmo), che si è tenuto lo scorso settembre a Madrid.

Il primo studio su 76 bimbi piccoli

La prima ricerca ha riguardato 76 bambini con un’età media di due anni. Metà di loro è nata da mamme che durante la gravidanza sono state sottoposte a cure anti-tumorali, specialmente chemioterapia, mentre metà da donne sane che nel corso dei nove mesi di attesa non hanno dovuto seguire particolari cure. Tutti i bebè sono stati sottoposti ad alcuni accertamenti ed esami. Lo scopo era valutare le loro condizioni di salute. Ebbene, analizzando i risultati, gli autori hanno scoperto che i due gruppi di bambini non presentavano differenze significative. Infatti, sia lo sviluppo mentale sia quello cardiaco erano del tutto simili.

La seconda ricerca su 16 bambini e 10 adulti

Il secondo studio ha coinvolto 16 bambini e 10 adulti che erano stati esposti a radioterapia: i primi indirettamente, durante la vita intrauterina, perché le loro mamme erano malate di tumore; i secondi direttamente. Anche in questo caso, gli studiosi hanno esaminato le condizioni di salute dei volontari ricorrendo a varie indagini. Hanno così scoperto che la salute generale, lo sviluppo neuropsicologico e lo sviluppo comportamentale erano nella norma in tutti i soggetti, tranne in uno, che però potrebbe aver subito l’influenza di altri fattori negativi.

Meglio presto o tardi? Dipende

Gli esperti riuniti in occasione dell’Esmo hanno concluso che non sempre gravidanza e cure anti-tumorali sono inconciliabili. Le donne costrette a subire i disagi e la preoccupazione della malattia, quindi, non devono affrontare la scelta dolorosissima fra la propria salute e quella del bambino. “Il messaggio principale per le donne è che la scelta non è inevitabile e in molti casi ci sono altre opzioni da tenere in considerazione. Abbiamo visto, per esempio, che per i tumori del seno e del sangue, i più comuni in questa fascia di età, almeno alcuni farmaci non danneggiano i bambini se somministrati dopo il primo trimestre di gravidanza. Fanno eccezione la leucemia acuta, che va trattata già nel primo trimestre, e i tumori della cervice uterina, troppo vicini al bambino” spiega Frederic Amant del Policlinico belga di Lovanio. Se la mamma deve essere curata con la radioterapia, invece, è meglio intervenire il prima possibile: più il bebè è piccolo, infatti, e meno probabilità ha di essere colpito dalle radiazioni. Nel terzo trimestre, trattare alcune patologie, come il tumore al seno, diventa complicato visto che in genere la testa del piccolo è verso l’alto.

In breve

I DATI PIU’ RECENTI

Secondo gli ultimi dati, la diagnosi di tumore in gravidanza non è molto frequente: riguarda una donna ogni mille. In Italia si registrano circa 600-700 nuovi caso all’anno. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Menarca in bimba di 9 anni: crescerà ancora?

17/01/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non è così automatico che l'arrivo della prima mestruazione segni la fine della crescita in altezza.   »

Anticorpi: con che quantità si può rinviare la seconda o la terza dose?

17/01/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Fabrizio Pregliasco

A oggi non è ancora stato stabilito quale valore relativo agli anticorpi assicuri una copertura tale da consentire di rimandare (o, peggio, evitare) la vaccinazione.   »

Bimbo difficile, mamma esasperata

11/01/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Può essere davvero emotivamente insostenibile gestire un bambino che urla e piange ogni volta che ci si allontana. Ma la soluzione ci può essere.   »

Fai la tua domanda agli specialisti