Gravidanza: il cervello si modifica per l’arrivo del bimbo

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 18/06/2014 Aggiornato il 18/06/2014

Il cervello in gravidanza subisce delle modifiche per prepararsi all’arrivo del bebè e stabilire un legame affettivo

Gravidanza: il cervello si modifica per l’arrivo del bimbo

Da dove nasce l’istinto materno, cioè il legame spontaneo tra mamma e figlio? Ma soprattutto quando? In gravidanza o dopo il parto? Finora si è sempre data una spiegazione ormonale. Ma sembra non essere solo così.

Tutto merito di ossitocina e prolattina?

Al momento del parto, la mamma produce ossitocina e prolattina, mentre il piccolo secerne adrenalina. L’ossitocina, detta “ormone dell’amore”, esercita una forte influenza sulla relazione con il bambino. La prolattina, l’ormone delle cure materne, si attiva subito dopo l’espulsione del feto.

Ma non solo

Ora uno studio condotto a Londra (Royal Holloway University) da una squadra di psicologi pone l’accento anche sulle modifiche del cervello che avverrebbero naturalmente durante la gravidanza per “abituare” la futura madre a interpretare i bisogni emotivi e fisici del bebè e prepararla a instaurare un legame profondo con il figlioletto.

Più coinvolgimento emotivo già in gravidanza

Lo studio ha coinvolto 39 donne, a cui sono state mostrate foto di volti con espressioni negative o positive. Il cervello delle donne in gravidanza, specie di fronte a foto di visi allegri o sorridenti, si accende a livello dell’emisfero destro, segno di un più profondo coinvolgimento emotivo.

Se manca, rischio depressione

Secondo gli esperti, si può dunque supporre che nella depressione post-partum la neomamma non abbia sperimentato queste modifiche nel cervello durante la gravidanza e quindi sia meno in grado di stabilire quel legame che la aiuterebbe a superare le prime difficoltà psicologiche ed emotive nella gestione del bebè. 

In breve

LA DEPRESSIONE LEGATA ALLA GRAVIDANZA?

Circa il 16% delle italiane si ammala di depressione nel post-partum. E l’origine potrebbe essere in gravidanza, laddove non ci siano queste modificazioni del cervello. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HCG

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti