Come superare la stanchezza in gravidanza?

Paola Risi A cura di Paola Risi Pubblicato il 12/09/2022 Aggiornato il 12/09/2022

La gravidanza è caratterizzata da un superlavoro per l’organismo femminile che si traduce in stanchezza e sonnolenza per la futura mamma. Ma recuperare le forze è possibile. Ecco come fare

la stanchezza è uno dei primi sintomi della gravidanza

Fin dall’inizio della gravidanza è normale sentirsi stanche e affaticate mentre si svolgono le abituali attività quotidiane e anche negli orari più insoliti. La stanchezza, spesso associata a sonnolenza, rappresenta infatti uno dei principali segnali di riconoscimento dell’avvenuto concepimento proprio come la nausea e le voglie.

Come mai in gravidanza si ha sempre sonno?

Tra le cause principali di questo sintomo viene indicato il superlavoro cui l’organismo della futura mamma è sottoposto per effetto del graduale sviluppo del feto nel pancione. In genere, la fase in cui il senso di affaticamento si percepisce in modo più marcato corrisponde a quella iniziale e più precisamente ai primi tre mesi di attesa, in quanto il corpo della gestante non si è ancora abituato alla sua nuova condizione e ai cambiamenti correlati.
Più energie dal secondo trimestre

Col trascorrere del tempo, in particolare a partire dal secondo trimestre, grazie al progressivo adattamento, questa sensazione tende ì a ridursi e si recuperano un po’ di energie. In ogni caso alcune condizioni tipiche della gravidanza tendono a influire negativamente sulla qualità del sonno favorendo ulteriormente la comparsa di un senso di stanchezza nel corso della giornata.

Perché si dorme male in gravidanza?

Stanchezza e sonnolenza durante il giorno tendono ad aumentare anche a causa dell’alterazione dei ritmi del sonno che spesso compare durante la gravidanza in seguito a diversi fattori.

Variazioni ormonali

In particolare la più elevata concentrazione di progesterone (ormone indispensabile al regolare procedere della gestazione) sembra ridurre la quantità di sonno Rem (dall’acronimo Rapid eyes movement, che significa rapido movimento oculare e indica la fase del sonno più profonda in cui si sogna), influendo negativamente sulla qualità del sonno.

Ingombro del pancione

Anche l’aumento di volume dell’addome, in particolare a partire dal 5° mese, può rendere più difficile trovare una posizione comoda per dormire, incidendo negativamente sulla qualità e sulla durata del sonno, insieme ai movimenti del feto responsabili di frequenti risvegli notturni.

Altri disturbi dell’attesa

L’eventuale presenza di disturbi tipici del periodo, quali nausea, bruciori di stomaco, minzione frequente, mal di schiena e difficoltà circolatorie possono ostacolare ulteriormente la regolarità e la qualità del sonno, aumentando la sonnolenza e la stanchezza nelle ore diurne.

Cosa fare contro la stanchezza in gravidanza?

Per cercare di ridurre la stanchezza, la futura mamma dovrebbe assecondare il bisogno di riposare concedendosi brevi riposini (bastano anche 10-15 minuti) durante il giorno.

Del resto, per combattere la stanchezza in gravidanza non sempre è necessario dormire di più di notte: può essere sufficiente anche riuscire a rilassarsi di più: potrebbe quindi essere utile distrarsi facendo qualcos’altro, per esempio leggendo un libro, ascoltando della musica o facendo yoga.

Nei casi in cui ci si senta particolarmente assonnate, invece, è necessario cercare di dormire di più di notte, anche rinunciando ai “pisolini” pomeridiani troppo prolungati, in quanto potrebbero rendere più difficoltoso l’addormentamento serale.

Se stanchezza e sonnolenza sono molto intense e continue è comunque opportuno consultare il ginecologo che valuterà la necessità di un periodo di maggiore riposo in cui sospendere le attività più faticose e impegnative.

 

 

 

 

 
 
 

In sintesi

Quando inizia la stanchezza in gravidanza?

La sensazione di affaticamento  è uno dei primi campanelli che suonano quando è in arrivo un bebè e, infatti, rientra tra i primi sintomi della gravidanza. Ha diverse cause, ma all’inizio è determinata dalle variazioni ormonali che possono, a loro, volta, scatenare una serie di fastidi, come ma nausea e il vomito, che di certo non contribuiscono a far sentire la donna al top.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gravidanza e vaccino contro difterite-tetano-pertosse: il richiamo va fatto ogni volta?

06/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Il richiamo del vaccino trivalente DTP è raccomandato a ogni nuova gravidanza per garantire al nascituro un "bagaglio immunitario" in grado di proteggerlo da difterite, tetano, pertosse fino a quando non verrà sottoposto lui stesso alla vaccinazione.  »

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti