Gravidanza: vero o falso?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 23/05/2014 Aggiornato il 23/05/2014

Quante se ne sentono quando si è incinta! La gravidanza porta con sé pregiudizi e luoghi comuni. Ecco cosa c'è di vero e cosa invece è falso

Gravidanza: vero o falso?

 

 

Lo stomaco brucia quando gli crescono i capelli

FALSO.  Il reflusso gastroesofageo è causato dalla risalita dei succhi gastrici nell’esofago. Non ha nessun collegamento con la crescita dei capelli del bambino, che sta all’interno dell’utero.

La nausea non compromette la gravidanza

VERO. Nella maggioranza dei casi la nausea scompare da sola, alla fine del primo trimestre. In questi casi non influisce sulla crescita del bebè. Bisogna preoccuparsi solo se gli episodi di vomito sono ripetuti, si perde peso e ci sono segni di disidratazione.

Il bimbo è in pericolo se sanguina il naso

FALSO. L’epistassi è frequente in gravidanza, perché gli ormoni fanno dilatare i capillari che tendono a rompersi più facilmente. Nella maggior parte dei casi è innocua. Solo in rari casi segnala un difetto di coagulazione che può ripercuotersi sul bebè.

I reni lavorano il doppio

VERO. Il bambino “utilizza” i reni della mamma per eliminare alcune sostanze di scarto presenti nel suo sangue. Inoltre alcuni ormoni, come renina e angiotesina, aumentano costringendo i reni a uno sforzo ulteriore.

La dieta senza glutine è sicura e completa

VERO. Se la futura mamma è celiaca o sensibile al glutine, non deve preoccuparsi. Questa proteina può essere sostituita da sostanze simili contenute in altri cereali, senza incorrere in carenze nutrizionali. L’importante è che la donna segua un’alimentazione varia e completa.

In gravidanza si può saltare l’appuntamento con il dentista

FALSO. È dimostrato che le future mamme con problemi alle gengive hanno un rischio doppio di sviluppare preeclampsia rispetto alle donne con una bocca sana. È consigliabile sottoporsi almeno a una pulizia dal dentista durante i 9 mesi (la placca tende a peggiorare i disturbi gengivali).

In breve

IL RUOLO CENTRALE DEL GINECOLOGO

Per ogni dubbio durante i nove mesi è bene rivolgersi al ginecologo o all’ostetrica.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perché il bimbo in utero non si vede ancora?

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se l'ovulazione avviene più tardi rispetto all'ipotesi può accadere che l'embrione non sia visibile ecograficamente nell'epoca della gravidanza in cui generalmente lo è già.   »

SOS crisi di pianto inconsolabile

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta appurato che il lattante piange per via delle "coliche dei tre mesi", non resta che attendere pazientemente che le crisi a poco a poco diminuiscano fino a sparire. Nella ceretzza che le sue urla disperate sono espressione di forza e di salute.   »

Peso: quale aumento a quattro mesi di vita?

19/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

L'aumento di peso ha un andamento influenzato da alcune variabili, tuttavia intorno al quinto mese di vita dovrebbe essere doppio rispetto a quello presentato alla nascita.   »

Fai la tua domanda agli specialisti