Il Covid-19 aumenta l’ansia e la depressione post parto

Miriam Cesta A cura di Miriam Cesta Pubblicato il 18/05/2021 Aggiornato il 18/05/2021

Due studi spagnoli hanno messo l’accento sugli effetti del Covid-19 sul benessere psicologico delle donne in gravidanza e dopo il parto

Il Covid-19 aumenta l’ansia e la depressione post parto

Maggiori livelli di insoddisfazione legati al parto, aumento della depressione post parto e incremento dei livelli di ansia: è così che incide sulla salute delle neomamme la pandemia mondiale che stiamo attraversando a causa del Covid-19, la malattia dovuta al nuovo coronavirus Sars-Cov-2. A sostenerlo sono due studi pubblicati da un gruppo di ricercatori spagnoli dell’Università di Granada sulle riviste Obstetrics and Gynaecology e Medicina Clinica.

Stress alle stelle

Considerando che quello della gravidanza è un momento già molto delicato nella vita di una donna, che il Covid-19 potesse avere un impatto di non poco conto sul benessere psicologico delle future mamme c’era da aspettarselo. E per diversi motivi, a partire dal distanziamento sociale imposto per limitare il rischio di contagio, da cui conseguono modifiche ai protocolli di sicurezza per accedere alle strutture sanitarie che consentono l’ingresso esclusivamente a pazienti senza accompagnatori, che ha acuito la sensazione di solitudine. Se si aggiunge poi il timore di contrarre il virus, con l’incertezza degli effetti che l’infezione potrebbe avere sulla propria salute e su quella del bimbo, il gioco è fatto: ecco che aumenta il livello di stress in una popolazione già vulnerabile di per sé, quella delle donne incinte, già messa alla prova dalle problematiche tipiche della gravidanza, tra cui stanchezza, problemi di insonnia, senso di inadeguatezza. 

Maggiore depressione post parto

Il primo studio, quello pubblicato su Obstetrics and Gynaecology, è stato condotto su 162 donne spagnole divise in due gruppi: un primo che aveva partorito prima della pandemia (dal 1 settembre 2019 al 1 marzo 2020) e un secondo che ha dato alla luce il proprio bimbo durante la pandemia. Dopo la nascita del bebè i ricercatori hanno valutato il benessere psicologico delle neomamme, rilevando che le donne che hanno partorito durante la pandemia hanno sofferto di livelli maggiori di stress durante il parto e hanno messo in evidenza una percentuale di depressione post parto molto più alta rispetto alle neomamme che avevano partorito prima della pandemia, oltre a dare in generale una valutazione peggiore della qualità delle cure ricevute dalle strutture sanitarie che le avevano ospitate.

Ansia e depressione

La ricerca pubblicata sulla rivista Medicina Clinica, svolta su un campione di 131 donne in gravidanza che hanno partorito durante la pandemia, ha rilevato invece che le neomamme hanno manifestato sintomi ansiosi (ossessioni e compulsioni, ansia e ansia fobica) e depressivi correlati al Covid-19. “È importante – scrivono gli autori dello studio – concentrare i futuri interventi psicologici in questa popolazione sul controllo dello stress percepito, dello stress specifico della gravidanza e sul monitoraggio dei problemi legati al sonno, poiché queste variabili influenzano l’aumento dell’ansia e della depressione”.

 

 

 
 
 

Il parere dell’esperto

Come spiega Stefano Bernardi, coordinatore del Gruppo di interesse speciale di psicologia della Società italiana della riproduzione umana (Siru), se da una parte la paura del virus ha ampliato le paure tipiche della gravidanza, un altro elemento che sta incidendo negativamente sul benessere psicologico delle neomamme è che a causa del distanziamento sociale imposto dalla pandemia molte donne non possono beneficiare del contatto con la propria madre, e questo porta a una mancanza di accudimento e di relazione.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo difficile, mamma esasperata

11/01/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Può essere davvero emotivamente insostenibile gestire un bambino che urla e piange ogni volta che ci si allontana. Ma la soluzione ci può essere.   »

E’ possibile che l’ecografia non visualizza la gravidanza?

11/01/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Arianna Prada

Se l'ecografia viene eseguita troppo presto non è possibile,bensì sicuro che la gravidanza non venga visualizzata, anche nell'eventualità in cui abbia avuto inizio. Per questo si suggerisce (inascoltati) alle donne di non effettuarla prima della sesta settimana.   »

Fimosi in un bimbo di quattro anni: che fare?

07/01/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

A volte per risolvere la fimosi è sufficiente la "ginnastica prepuziale", tassativamente vietata prima dei due anni di vita (salvo casi particolari), che richiede dolcezza e mano lieve, perché diversamente si rischia un peggioramento della situazione.   »

Fai la tua domanda agli specialisti