Il sesso del feto influenza la risposta dell’organismo al Covid-19

Roberta Raviolo A cura di Roberta Raviolo Pubblicato il 14/01/2022 Aggiornato il 14/01/2022

A seconda che il nascituro sia maschio o femmina, è diversa nella donna in gravidanza la risposta dell'organismo al Covid-19

Il sesso del feto influenza la risposta dell’organismo al Covid-19

Durante la gravidanza, è diversa la risposta dell’organismo al Covid-19 a seconda che il feto sia maschio oppure femmina. Viene sempre prodotta una buona quantità di anticorpi, ma in misura minore se il nascituro è di sesso maschile. Lo hanno scoperto i ricercatori di due ospedali universitari di Boston, il Massachusetts General Hospital e il Brigham and Women’s Hospital.

Più anticorpi se il feto è femmina

Gli esperti hanno prelevato campioni di sangue, placenta e cordone ombelicale durante 38 parti di donne infettate da Sars-Cov-2 nel corso della gravidanza. L’indagine aveva l’obiettivo di capire con quanta efficacia gli anticorpi che si formano come risposta dell’organismo al Covid-19 passano al feto. Infatti, per alcuni germi, come per esempio il virus dell’Hiv o il plasmodio della malaria, il trasferimento degli anticorpi da madre a figlio è più difficoltoso rispetto, per esempio, al virus dell’influenza.
Le analisi hanno scoperto che, durante la gestazione, l’organismo materno trasferisce al feto un buon quantitativo di anticorpi al feto. Ci sono, però, differenze a seconda che il feto sia maschio o femmina. Nel sangue delle donne in attesa di un maschio, si trovano livelli più bassi di anticorpi, rispetto a quelli nell’organismo delle future mamme di una figlia femmina.

Un elevato rischio di infiammazione

Analizzando alcuni tessuti come cordone ombelicale e placenta dei feti di sesso maschile, i ricercatori hanno accertato che contengono meno anticorpi rispetto agli stessi tessuti prelevati dai feti di sesso femminile. Nella placenta dei nascituri maschi sono più attivi vari geni con effetti pro-infiammatori. Secondo gli esperti, questo costituisce una diversa forma di risposta dell’organismo al Covid-19, per sopperire al minor contributo portato dagli anticorpi materni. L’attività di questi geni, però, rischia di accompagnarsi a un elevato livello di infiammazione nell’utero materno. Questo potrebbe esporre il bambino a una maggiore possibilità di sviluppare disturbi metabolici o del neurosviluppo, durante le fasi di crescita. I risultati indicano che sarà importante monitorare i bambini nei prossimi anni, per accertare che non presentino problemi di salute.

 

 

 

 
 
 

Lo sapevi che?

Gli uomini, a tutte le età, sono più esposti rispetto alle donne al rischio di soffrire di forme più serie di Covid-19. Sembra che questo sia dovuto al fatto che l’organismo maschile sarebbe più lento a reagire, sviluppando però una risposta infiammatoria più intensa.

 

 

 

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba di due anni con i capelli molto radi

24/01/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Nella maggior parte die casi, i capelli dei piccolini diventano più folti con il passare deigli anni, tuttavia se appaiono realmente troppo deboli e mancano in alcuen zone della testa è bene sentire il parere di un dermatologo (in presenza).   »

Menarca in bimba di 9 anni: crescerà ancora?

17/01/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non è così automatico che l'arrivo della prima mestruazione segni la fine della crescita in altezza.   »

Anticorpi: con che quantità si può rinviare la seconda o la terza dose?

17/01/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Fabrizio Pregliasco

A oggi non è ancora stato stabilito quale valore relativo agli anticorpi assicuri una copertura tale da consentire di rimandare (o, peggio, evitare) la vaccinazione.   »

Fai la tua domanda agli specialisti