Infarto: più rischi per chi partorisce dopo i 40 anni

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 05/04/2016 Aggiornato il 05/04/2016

Servono più controlli per le donne che hanno avuto un bambino dopo i 40 anni, perché sembrano aumentare i pericoli di incorrere in un ictus o nell’infarto. Ecco perché

Infarto: più rischi per chi partorisce dopo i 40 anni

Allarme infarto tra le donne che diventano mamme in tarda età. L’allarme arriva dai ricercatori americani che hanno voluto mettere a confronto le donne che hanno avuto il primo figlio prima dei quarant’anni di età e le donne che sono diventate mamme dopo i 40 anni. I dati emersi hanno dimostrato che queste ultime hanno il 70 per cento di probabilità in più di morire a causa di malattie cardiovascolari, come infarto o ictus, rispetto alle donne che hanno dato alla luce un figlio in età più giovane.

Lo studio su oltre 70mila donne

La ricerca dell’Università del Minnesota (Usa) è stato presentata all’American stroke association meeting a Los Angeles.  Per giungere a questa conclusione, i ricercatori hanno esaminato per ben 12 anni 72.221 donne che facevano parte dello US Women’s health initiative study. I ricercatori hanno poi confrontato la salute del 5 per cento delle donne che aveva partorito dopo i 40 anni d’età con le donne che, invece, avevano avuto un figlio da più giovani.

Numeri che fanno riflettere

Dai risultati è emerso che le mamme che avevano partorito dopo i 40 anni avevano il 70 per cento di probabilità in più di morire a causa di una malattia cardiovascolare (come l’infarto o ictus), il doppio delle probabilità di avere un ictus emorragico e un quinto di probabilità in più di subire un attacco cardiaco. Il rischio di un ictus ischemico, un tipo di ictus causato da un coagulo di sangue, era risultato più alto del 60 per cento.

Le ragioni del rischio

I ricercatori sono convinti che la maggior parte del rischio dipenda dal fatto che le donne più anziane hanno maggiori probabilità di avere la pressione alta, il diabete o il colesterolo alto durante la gravidanza, tutti fattori che aumenterebbero i rischi di incorrere anche in seguito in malattie pericolose come l’ictus o l’infarto.

Il parere dell’esperto

Secondo il dottor Adnan Qureshi, che ha coordinato lo studio, le donne con una gravidanza tardiva devono essere consapevoli dei rischi e adottare misure per migliorare la loro salute cardiovascolare. “Sapevamo già – ha spiegato il ricercatore – che le donne anziane hanno più probabilità rispetto a quelle più giovani di avere problemi di salute durante la gravidanza, ora sappiamo che le conseguenze di una gravidanza tardiva possono durare per  anni”.

 

 

 

 

In breve

I DATI DELLO STUDIO

Lo studio è stato condotto dai membri del Zeenat Qureshi Stroke Institute, i quali hanno analizzato i dati di 72.221 donne tra 50 e 79 anni. Di queste, 3.306 donne hanno riferito di avere avuto una gravidanza all’età di 40 anni o più tardi.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Educazione di una piccina: quali istruzioni vanno seguite?

27/05/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

I bambini non sono robot: non ci si può aspettare che basti impartire una semplice dritta per ottenere i comportamenti desiderati.   »

Talco al cambio del pannolino? Meglio di no!

25/05/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Il talco è un prodotto che non è opportuno usare per la cura dei bambini perché può causare vari problemi.   »

Fertilità della donna dopo i 40 anni: cosa la influenza?

19/05/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

L'età anagrafica condiziona fortemente la possibilità di concepire. Ma non solo: altri fattori entrano in gioco e tra questi c'è il peso corporeo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti