Inquinamento in gravidanza: lo smog supera la placenta

Roberta Camisasca A cura di Roberta Camisasca Pubblicato il 13/11/2019 Aggiornato il 13/11/2019

Uno studio approfondisce il legame tra inquinamento e gravidanza, chiarendo come l’aria che respiriamo riesce a superare la barriera della placenta e a danneggiare il bimbo nel pancione

Inquinamento in gravidanza: lo smog supera la placenta

L’inquinamento atmosferico supera la barriera placentare delle donne in gravidanza e, con tutta probabilità, arriva al feto. È il risultato di uno studio condotto dall’Hasselt University, in Belgio, e pubblicato sulla rivista scientifica Nature Communication. Secondo gli esperti, la ricerca è la prima prova del fatto che il nero di carbonio inalato dalla mamma giunga fino alla placenta.

Tante sostanze nocive

L’inquinamento ambientale è causato dall’insieme di sostanze nocive per l’uomo immesse nell’aria, acqua e suolo e dalle trasformazioni che queste subiscono nell’ambiente. Tra queste, il particolato e l’ozono sono tra gli inquinanti dell’aria cui vengono associati gli effetti più gravi per la salute.

Trovate minuscole particelle

Analizzando la placenta di 28 mamme residenti in zone con un elevato tasso di inquinamento, gli studiosi hanno individuato migliaia di minuscole particelle per millimetro cubo di tessuto. Il rilevamento delle particelle sul lato fetale della barriera placentare suggerisce che è molto probabile che i feti siano esposti. L’équipe è al lavoro per individuare nero di carbonio nel sangue fetale e per scoprire se queste particelle causano danni al Dna.

Accertate complicanze

È già stato stabilito il collegamento tra l’esposizione agli agenti inquinanti della mamma e l’aborto, nascita pre-termine e basso peso alla nascita. Così come l’ipertensione e gli infarti durante la gravidanza sono stati collegati all’inquinamento domestico. Ma i ricercatori sospettano ora che possa esserci un legame diretto tra le particelle e il feto nella placenta. I risultati dimostrano che la barriera placentare umana non è impenetrabile per le particelle. Oltre alla placenta delle 28 donne in gravidanza, i ricercatori hanno anche esaminato la placenta di aborti spontanei scoprendo che le particelle inquinanti erano presenti anche nei feti di 12 settimane. Un danno in questa fase determina tutta la vita, in quanto questo è il periodo più vulnerabile durante il quale tutti gli organi sono in fase di sviluppo. Per proteggere le generazioni future, dunque, è bene ridurre l’esposizione agli agenti inquinanti.

Da sapere!

Quando i livelli degli inquinanti sono particolarmente alti, come accade con l’ozono in estate, evitare passeggiate e attività all’aperto nelle ore più calde, spostandole verso il mattino presto o la sera.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Non sento il bimbo muoversi: perché?

09/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Fino alla 23ma settimana di gravidanza può essere difficile sentire i movimenti del bambino, ma di qui a poco si riusciranno a percepire in modo inequivocabile.   »

HPV ad alto rischio oncogeno: come avviene il contagio?

03/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

La trasmissione del Papilloma virus responsabile del carcinoma della cervice avviene quasi esclusivamente per via sessuale.   »

Vaccinazione anti-rotavirus: la ricerca dice sì, senza alcun dubbio sì

27/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Gli ultimi studi compiuti in modo serio e rigoroso sulla vaccinazione antirotavirus hanno evidenziato che si tratta di uno strumento più che sicuro (e prezioso) per la salvaguardia della salute dei piccolini.  »

Fai la tua domanda agli specialisti