Ipertensione e malattie renali: predirle fin dalla gravidanza

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 29/06/2017 Aggiornato il 29/06/2017

Il rischio che il bimbo soffra di ipertensione e malattie renali può essere calcolato fin dalla gravidanza, considerando alcuni noti fattori di rischio

Ipertensione e malattie renali: predirle fin dalla gravidanza

Alcuni fattori di rischio in gravidanza possono anticipare lo sviluppo di ipertensione e malattie renali nel bambino. Secondo uno studio internazionale presentato all’ultimo Congresso nazionale della Fadoi (Federazione delle associazioni dei dirigenti ospedalieri Internisti), i geni ereditati al concepimento possono essere un fattore importante di rischio.

Calcolare i fattori di rischio

La qualità e la quantità di nutrienti che il feto riceve nel grembo materno, l’esposizione a inquinanti, farmaci e infezioni durante la gravidanza, e la salute della mamma in gravidanza sono alcuni fattori di rischio in gravidanza possono anticipare lo sviluppo di ipertensione  e malattie renali nel bambino.

Reni compromessi

Questi elementi influenzano lo sviluppo delle unità elementari funzionali (nefroni) che costituiscono i reni. Se il neonato nasce con un basso peso (meno di 2.5 chili) o è piccolo in rapporto alla sua età gestazionale, è probabile che i reni siano meno sviluppati e contengano un numero inferiore di nefroni rispetto alla norma. Ciò aumenta la suscettibilità alle malattie renali, in quanto i reni hanno una minor capacità di compensare eventuali danni che si verificano nel corso della vita.

Pericolo pressione alta

L’ipertensione arteriosa è un importante fattore di rischio per le malattie cardiovascolari: colpisce oltre 15 milioni di persone, quasi un terzo della popolazione. Non risparmia neanche bambini e adolescenti: a esserne colpito è il 5%. Gli adulti con malattie renali in Italia sono 3 milioni e mezzo, nei piccoli il fenomeno è più contenuto, tuttavia le malattie renali del bambino sono spesso patologie gravi con necessità di ricorrere alla dialisi cronica e al trapianto.

Importante la prevenzione

Per evitare che alcuni fattori di rischio in gravidanza possono anticipare lo sviluppo di ipertensione  e malattie renali nel bambino, è importante che i futuri genitori adottino i giusti comportamenti fin dal concepimento. Primo: l’alimentazione. Quando non è equilibrata, o se la futura mamma fuma o abusa di alcol, si può compromettere lo sviluppo del feto e concorrere alla nascita prematura o sottopeso. Per le situazioni più a rischio, è importante favorire l’allattamento al seno nei primi 6 mesi di vita del neonato, controllare la pressione arteriosa e l’esame delle urine fin da piccoli per cogliere con tempestività i segnali di un funzionamento non ottimale dei reni, ridurre l’uso dei farmaci potenzialmente tossici per i reni.

 

Da sapere!

I bambini nati sottopeso devono essere i sottoposti a visite mediche periodiche durante l’età scolare e nell’età adulta, adottando corretti stili di vita.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Coronavirus e bimbi in piscina: ci sono rischi?

13/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Una cosa è certa: il Sars-CoV-2 non nuota libero nell'acqua delle piscine, per cui i bambini possono fare i bagni in piena sicurezza.  »

Lieve perdita di sangue a inizio gravidanza

06/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La gravidanza è un processo in divenire: almeno nelle prime settimane non si dovrebbero trarre conclusioni su come si sta evolvendo, semplicemente in base a una piccola perdita di sangue.   »

Sovrappeso: è di ostacolo alla fertilità? Assolutamente sì

29/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Molti chili di troppo interferiscono sull'attività delle ovaie, a volte al punto da causare la formazione di ovociti difettosi, che non possono essere fecondati.   »

Fai la tua domanda agli specialisti