La chirurgia contro l’obesità mette a rischio la gravidanza

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 22/01/2014 Aggiornato il 22/01/2014

Le donne in gravidanza che in passato sono state sottoposte a interventi chirurgici per l’obesità rischiano parti prematuri o figli sottopeso

La chirurgia contro l’obesità mette a rischio la gravidanza

Obesità non fa rima con maternità. Le donne con seri problemi di peso hanno meno probabilità di restare incinte e, una volta intrapresa la gravidanza, hanno un rischio maggiore di andare incontro a complicanze, come ipertensione arteriosa e diabete gravidico. Intervenire in tempo è fondamentale, anche ricorrendo al bisturi, se necessario. Uno studio però pone l’accento sui rischi della chirurgia per l’obesità per il buon andamento della gravidanza.  Ricercatori svedesi del Karolinska Institute hanno, infatti, sottolineato come l’essersi sottoposte in passato a interventi di chirurgia per l’obesità aumenti il rischio di avere bambini sottopeso o prematuri.

7.000 italiani sotto il bisturi in un anno

L’indagine ha analizzato una serie di nascite avvenute tra il 2002 e il 2009. Il 10% delle donne in gravidanza aveva subito questo tipo di trattamento, mentre la percentuale di chi non era stato operata era del 6%. Il 5% dei neonati è risultato sottopeso, contro il 3% del gruppo di controllo. Il lavoro è stato pubblicato sul British Medical Journal. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità, nel mondo si contano 1,5 miliardi di adulti in eccesso di peso. Di questi, 200 milioni di uomini e circa 300 di donne sono obesi. Gli italiani obesi sono oltre 6 milioni e dal 1994 a oggi il loro numero è cresciuto del 25%. Un obeso non operato è più esposto a numerose e gravi malattie come ipertensione, tumori e diabete. Sono 1,5 milioni coloro che potrebbero giovarsi della chirurgia per l’obesità. Nel nostro Paese operano 270 chirurghi dell’obesità, in un centinaio di strutture sanitarie sparse in modo non uniforme sul territorio nazionale. Nel 2012 sono stati sottoposti a intervento chirurgico sette mila italiani.

In breve

ATTENZIONE ALL’INDICE DI MASSA CORPOREA

L’obesità è definita come un eccesso di grasso corporeo in relazione alla massa magra, con un indice di massa corporea superiore a 30.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HCG

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Piccolissima che non gradisce il cambio del latte

17/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Migliori

Il sapore e la consistenza di un nuovo tipo di latte possono non essere accettati subito di buon grado dal neonato ed è per questo che è consigliabile che il cambiamento avvenga con gradualità, iniziando con una sola poppata.   »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Distacco: si deve stare a riposo assoluto?

11/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stare a letto non solo non serve a cambiare in meglio il destino di una gravidanza ma può addirittura rivelarsi dannoso in quanto favorisce la formazione di trombi e peggiora notevolmente il tono dell'umore.   »

Fai la tua domanda agli specialisti