Lo stress in gravidanza fa male al bebè

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 20/03/2015 Aggiornato il 20/03/2015

A causa dello stress della mamma, il bimbo nel pancione riceve meno nutrimento, perché diminuisce il trasporto di glucosio attraverso la placenta

Lo stress in gravidanza fa male al bebè

Le donne in gravidanza non devono essere sottoposte a stress in quanto ciò ostacolerebbe il corretto sviluppo del feto. A dirlo sono i ricercatori dell’Università di Cambridge (Regno Unito) che affermano: “A causa delle condizioni stressanti il nascituro riceve meno nutrimento, perché diminuisce il trasporto di glucosio attraverso la placenta”. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista internazionale The Journal of Physiology. Insomma, lo stress non porta benefici né per la mamma né per il futuro nascituro.

Lo studio in laboratorio

Per arrivare a questa conclusione, gli scienziati inglesi hanno diviso alcuni topi incinta in tre gruppi. Al primo hanno somministrato per 5 giorni il corticosterone glucocorticoide, un ormone che regola l’adattamento dell’organismo allo stress, dopo averlo sciolto in acqua tra l’11° e il 16° giorno di gravidanza. Al secondo lo stesso ormone è stato dato tra il 14° e il 19° giorno di attesa, mentre al terzo è stata distribuita soltanto acqua. Al termine dell’esperimento, è emerso che nei primi due gruppi, l’aumento dei livelli dell’ormone dello stress aveva portato le topoline a mangiare di più, ma aveva ridotto la capacità della placenta di trasportare il glucosio al feto, ostacolandone lo sviluppo.

Il feto cresce meno

Lo studio ha portato a risultati molto interessanti in termini di ricerca scientifica. “Abbiamo dimostrato che gli ormoni glucocorticoidi materni regolano la nutrizione del feto – spiega Owen Vaughan, che ha coordinato lo studio inglese -. Concentrazioni maggiori degli ormoni glucocorticoidi nella madre (presenti in condizioni di stress) possono ridurre il trasporto del glucosio attraverso la placenta e portare a una diminuzione del peso fetale”.

Che cosa sono i glucocorticoidi

I glucocorticoidi sono una classe di ormoni, la cui produzione è stimolata dall’ormone adrenocorticotropo adenoipofisario, la cui secrezione è a sua volta stimolata dall’ormone di rilascio della corticotropina ipotalamico. Il cortisolo è il principale ormone glucocorticoide e lo stress, sia fisico sia emotivo, è un importante stimolo per la secrezione di cortisolo. Per questo motivo a concentrazioni elevate, essi giocano un ruolo fondamentale nell’adattamento dell’organismo allo stress.

 

 

 

In breve

Parola d’ordine: relax

Il corpo della donna sottoposto a stress, in particolare nel corso della gravidanza, può compromettere lo sviluppo del feto. Si può combattere facendo una moderata attività fisica compatibile con la gravidanza o dedicandosi a tecniche di gestione dello stress come la meditazione, lo yoga o l’agopuntura.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HCG

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti