Primo mese di gravidanza

https://www.bimbisaniebelli.it/wp-content/uploads/2015/01/test-gravidanza-640x480.jpg

Non arrivano le mestruazioni

Il supposto ritardo, e poi l’assenza, delle mestruazioni è il primo segnale che fa sospettare l’avvio della gravidanza nel primo mese. Per essere certe che non si tratti di un ritardo, si può acquistare in farmacia un test di gravidanza da fare a casa.
Si esegue con facilità e fornisce il risultato in pochissimi minuti, con un margine di errore bassissimo. È consigliabile poi ripetere il test a distanza di qualche giorno per una conferma della gravidanza.

Tensione al seno

Il seno spesso rivela per primo, ancor prima della nausea o di altri sintomi, lo stato di attesa. È ancora presto per notare un aumento di volume, ma è possibile notare, tra la terza e la quarta settimana di gravidanza, un senso di tensione, a volte fastidioso, simile a quello che precede di norma l’arrivo delle mestruazioni.

Cambiare stile di vita

In previsione di una gravidanza o appena si scopre di essere incinta, occorre modificare alcune abitudini e cercare di seguire uno stile di vita più corretto per preparare l’organismo ad affrontare i nove mesi nelle condizioni migliori.

Evitare il fumo e gli alcolici

È provato che sia il fumo sia gli alcolici sono nocivi per la salute del bebè nel pancione. Per questo, nel momento in cui si aspetta un bambino bisognerebbe smettere di fumare o, per lo meno, ridurre drasticamente il numero di sigarette fumate.
Anche il fumo passivo è dannoso per la salute: è bene quindi non solo evitare di frequentare luoghi chiusi troppo fumosi ma anche che il partner non accenda la sigaretta in casa o quando viaggia in automobile con la compagna.
Quanto agli alcolici, mezzo bicchiere di vino al giorno non è sconsigliato, ma è bene non superare queste dosi ed evitare del tutto i superalcolici.

Mangiare sano

In gravidanza bisognerebbe cercare di seguire un’alimentazione il più possibile varia e completa, per non far mancare al bebè tutte le sostanze che gli servono per il suo sviluppo nel pancione.
È bene quindi abituarsi, se già non lo si faceva prima, a consumare ogni giorno diverse porzioni di frutta e verdura, per fare il pieno di vitamine, fibre e sali minerali.
Occorre avere pasti regolari, evitando di pasticciare o di mangiare in modo disordinato, e limitare l’uso dei condimenti anche per contenere l’aumento di peso.

Praticare sport

Iniziare la gravidanza con un corpo tonificato e allenato sicuramente ha molti benefici sotto molti aspetti. L’esercizio fisico, se praticato con regolarità, è utile infatti per migliorare la circolazione, la respirazione e il tono muscolare, ma anche per prevenire la stitichezza e allentare le tensioni.
Anche per le più pigre, quindi, non è troppo tardi per cominciare a praticare una moderata attività fisica, per esempio iscrivendosi a un corso di ginnastica dolce, andando a nuotare in piscina una o due alla settimana o facendo ogni giorno una passeggiata di mezz’ora.

Una domanda al ginecologo

È pericoloso lavorare al computer quando si aspetta un bambino?
Il computer è ormai uno degli strumenti di lavoro più utilizzati negli uffici: è normale chiedersi, quindi, all’inizio della gravidanza, se un suo uso prolungato possa eventualmente recare danno al bimbo che si sta formando nel pancione. Il computer, come tutte le apparecchiature elettriche, genera intorno a sé dei campi elettrici (presenti anche quando il pc è spento) e campi magnetici (prodotti invece solo quando il computer è acceso), che emettono radiazioni di vario genere.
Secondo gli studi finora disponibili, tuttavia, non risulta vi possano essere danni derivanti dall’esposizione a queste radiazioni né per la futura mamma né per il nascituro. Si può quindi continuare a lavorare con tranquillità al computer, avendo magari l’attenzione di concedersi una pausa di 15 minuti ogni due ore di lavoro a video, per far riposare la vista.

Leggi anche:

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.
Autismo nei bambini: vitamine in gravidanza riducono il rischio?

Autismo nei bambini: vitamine in gravidanza riducono il rischio?

22/05/2019 Primo mese di gravidanza di Roberta Camisasca

Ipotizzato un legame tra un’integrazione di vitamine in gravidanza e una riduzione del rischio di autismo nei bambini   »

L’embrione si può auto-riparare

L’embrione si può auto-riparare

16/05/2016 Primo mese di gravidanza di “La Redazione”

Risultati sorprendenti di una ricerca americana: anche le anomalie genetiche possono essere superate in modo autonomo dall’embrione. Le cellule anomale ai primi stadi dello sviluppo vengono spesso sostituite da quelle sane  »

Alcol: già nelle prime settimane di gravidanza causa danni al feto

Alcol: già nelle prime settimane di gravidanza causa danni al feto

26/06/2015 Primo mese di gravidanza di “La Redazione”

Bere alcol nei primi giorni di gravidanza, quando ancora non si sa di essere incinta, potrebbe aumentare il rischio di bassa crescita e iperattività  »

Il sesso del nascituro dipende davvero dal papà?

Il sesso del nascituro dipende davvero dal papà?

27/11/2014 Primo mese di gravidanza di “La Redazione”

Il patrimonio genetico del papà determina il sesso del bambino? Scopriamolo insieme  »