Quando comunicare la gravidanza al datore di lavoro?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 27/11/2014 Aggiornato il 03/02/2015

Come diritto di maternità, la futura mamma può avvisare il datore di lavoro in merito alla gravidanza iniziata. Ecco quando è meglio farlo.

Gravidanza e lavoro: i trucchi per stare comode alla scrivania

Domanda: Quando comunicare la gravidanza al datore di lavoro?

Risposta

Per legge non si è obbligate ad informare il datore di lavoro in merito alla propria gravidanza, ma è bene farlo quanto prima soprattutto se si svolgono mansioni a rischio. In ogni caso è prassi comunicare la gravidanza entro il terzo mese circa. Occorre consegnare al datore di lavoro e all’istituto erogatore dell’indennità di maternità (come l’Inps), il certificato medico indicante la data presunta del parto, per godere dei mesi di astensione obbligatoria.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Intolleranza al latte in bimba di due anni: c’è da dubitarne!

22/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

A due anni di età non è nemmeno da ipotizzare un'intolleranza al latte quindi è lecito dubitare di una simile diagnosi.   »

Nonna che svaluta i genitori: che fare?

18/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non si possono tollerare gli atteggiamenti prevaricatori dei nonni (né di altri parenti che si occupano dei bambini): in caso contrario si espongono i figli a vari rischi.   »

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Fai la tua domanda agli specialisti