Quando comunicare la gravidanza al datore di lavoro?

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 27/11/2014 Aggiornato il 03/02/2015

Come diritto di maternità, la futura mamma può avvisare il datore di lavoro in merito alla gravidanza iniziata. Ecco quando è meglio farlo.

Gravidanza e lavoro: i trucchi per stare comode alla scrivania

Domanda: Quando comunicare la gravidanza al datore di lavoro?

Risposta

Per legge non si è obbligate ad informare il datore di lavoro in merito alla propria gravidanza, ma è bene farlo quanto prima soprattutto se si svolgono mansioni a rischio. In ogni caso è prassi comunicare la gravidanza entro il terzo mese circa. Occorre consegnare al datore di lavoro e all’istituto erogatore dell’indennità di maternità (come l’Inps), il certificato medico indicante la data presunta del parto, per godere dei mesi di astensione obbligatoria.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti