Domande e risposte: È vero che i peli crescono meno? – MG

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 27/11/2014 Aggiornato il 03/02/2015

C'è una correlazione ormonale tra la gravidanza e la crescita minore dei peli. Spieghiamo il motivo.

Pelle rilassata e poco tonica, smagliature? Le soluzioni dopo il parto

Domanda: È vero che i peli crescono meno?

Risposta

In gravidanza la crescita dei peli è rallentata a causa del mutamento ormonale e, quindi, può trascorrere più tempo, rispetto a prima, tra una depilazione e l’altra. Il rasoio, anche elettrico, non ha nessuna controindicazione e può essere usato tranquillamente durante tutta la gestazione. Occorre, invece, fare attenzione alle creme depilatorie se non sono mai state usate prima, perché potrebbero causare reazioni allergiche e alla ceretta a caldo. Essa, infatti, potrebbe avere delle controindicazioni durante i nove mesi perché lo strappo può causare la rottura dei vasi capillari, in genere, più fragili durante la gravidanza perché devono permettere la circolazione di una quantità maggiore di liquidi. Il calore della ceretta, infine, può dilatare ancora più le vene, favorendo la comparsa di capillari e varici. Se proprio lo si desidera, è meglio optare per la ceretta a freddo, da eseguire dall’estetista. 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti