Perché ho sempre caldo?

Le "vampate" di calore possono capitare durante la gravidanza. Spieghiamo i motivi.

Domanda: Perché ho sempre caldo?

Risposta

In gravidanza il metabolismo basale (ossia la velocità con cui l’organismo consuma l’energia in condizioni di riposo) aumenta notevolmente, sotto l’azione degli ormoni prodotti durante questo periodo. È del tutto naturale, quindi, che la futura mamma abbia spesso caldo, non solo quando la temperatura esterna è elevata, ma anche d’inverno, quando gli altri hanno freddo. Questo fenomeno, da una parte, è utile all’organismo perché contribuisce ad abbassare la temperatura corporea e a eliminare i prodotti di scarto attraverso la sudorazione, ma dall’altra parte è anche molto fastidioso. Per ridurre al minimo il disagio, è consigliabile vestirsi a strati (soprattutto nei mesi più freddi), in modo da potersi togliere gli indumenti in eccesso quando si inizia ad avvertire troppo caldo. Occorre anche bere molto per sostituire i liquidi persi con la sudorazione.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Sinechie delle piccole labbra: serve il cortisone?

Le pomate al cortisone non trovano specifica indicazione per le sinechie delle piccole labbra di una bambina. Una crema emolliente, che contrasti la secchezza delle mucose, se non ci sono sintomi né infezioni ricorrenti è più che sufficiente per controllare l'anomalia.   »

Influenza in gravidanza: è pericolosa?

Ci possono essere dei rischi, se l'influenza viene contratta nelle prime settimane di gravidanza, a causa della febbre. Nel secondo e nel terzo trimestre è improbabile che il bambino corra particolari pericoli. In generale, è sempre opportuno che una donna in attesa effettui la vaccinazione antiinfluenzale....  »

Massaggi anticellulite: si possono fare mentre si allatta?

I massaggi anticellulite possono essere effettuati tranquillamente durante l'allattamento, anche alla luce di una massima che tutte le neomamme dovrebbero fare propria: tutto quello che le fa sentire meglio si rifette positivamente sul bebè.   »

Fai la tua domanda agli specialisti