Bisogna contare i movimenti del feto?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 27/11/2014 Aggiornato il 03/02/2015

I movimenti del feto diventano più rari dall'ottavo mese. Ecco spiegato il perchè.

Gravidanza: come vive il bebè nel pancione?

Domanda: Bisogna contare i suoi movimenti?

Risposta

A partire dall’ottavo mese di gravidanza i movimenti del feto diventano più rari, ma non si tratta in genere di un segnale di malessere: semplicemente il bambino è cresciuto notevolmente e lo spazio a sua disposizione all’interno dell’utero si è fatto quindi più ristretto. Le dimensioni che ha raggiunto intorno a quest’epoca non gli consentono più di compiere i movimenti ampi che faceva prima. La futura mamma spesso è in grado di capire in quale posizione si trova il piccolo: in genere, infatti, ha imparato a distinguere alcune parti del bambino, come la testa o i piedini.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Ecografia e dimensioni del bambino modeste: cosa può essere?

24/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Le ragiono per le quali il bambino durante la gravidanza cresce poco possono essere varie: solo successive ecografie di controllo riescono a stabilire quale può essere.   »

Le flash card di anatomia sono adatte a tre anni di età?

19/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Una bimba di tre anni il corpo umano dovrebbe cominciare a conoscerlo partendo dalle varie parti del suo: manine, piedini, nasino, bocca, orecchie e così via.   »

TSH oltre il limite: ci sono rischi in gravidanza?

14/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Un valore di TSH che supera di poco la soglia considerata ottimale non espone il feto a particolari pericoli. A patto però di assumere l'Eutirox e di controllare con regolarità la funzionalità tiroidea.   »

Fai la tua domanda agli specialisti