Bisogna contare i movimenti del feto?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 27/11/2014 Aggiornato il 03/02/2015

I movimenti del feto diventano più rari dall'ottavo mese. Ecco spiegato il perchè.

Gravidanza: come vive il bebè nel pancione?

Domanda: Bisogna contare i suoi movimenti?

Risposta

A partire dall’ottavo mese di gravidanza i movimenti del feto diventano più rari, ma non si tratta in genere di un segnale di malessere: semplicemente il bambino è cresciuto notevolmente e lo spazio a sua disposizione all’interno dell’utero si è fatto quindi più ristretto. Le dimensioni che ha raggiunto intorno a quest’epoca non gli consentono più di compiere i movimenti ampi che faceva prima. La futura mamma spesso è in grado di capire in quale posizione si trova il piccolo: in genere, infatti, ha imparato a distinguere alcune parti del bambino, come la testa o i piedini.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Assorbenti interni: li può usare una ragazzina di 11 anni?

16/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Sara De Carolis

Non ci sono controindicazioni mediche all'uso degli assorbenti interni fin dalla prima adolescenza. Va tenuto presente, però, che per applicarli correttamente la ragazzina deve imparare a conoscere bene la propria anatomia.   »

Bimbo di tre anni che dà testate e pizzicotti quando è contento

15/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Ci sono gesti che compie il bambino che è opportuno impedire: per farlo occorrono toni e atteggiamenti di affettuosa determinazione.   »

Lo zucchero è vietato in assoluto ai bambini?

14/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Alimenti e bevande contenenti lo zucchero che si usa normalmente in cucina a scopo dolcificante non sono vietati in assoluto, ma non è certo opportuno concederli ogni giorno. In un'ottica di dieta sana devono essere introdotti solo occasionalmente (e questo vale anche per gli adulti).   »

Fai la tua domanda agli specialisti