Come organizzare un baby shower: idee e consigli

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 10/05/2023 Aggiornato il 03/07/2024

Il baby shower è il party che si organizza per festeggiare l’arrivo di un bebè, una tradizione americana che sta prendendo sempre più piede anche da noi. Vediamo insieme come organizzare un baby shower, le idee per decorare la casa, i regali da suggerire a parenti e amici

Sono molte le future mamme che si chiedono come e quando organizzare un baby shower per l'arrivo del bebè. Ecco tutto quello che c'è da sapere

Il baby shower è la festa tra amici, parenti, vicini per salutare l’imminente arrivo del piccolo. In genere viene fatta in casa dei futuri genitori, ma volendo anche in un locale e prevede che in entrambi i casi ci siano decorazioni a tema, un buffet e un programma di intrattenimento con giochi, taglio della torta e consegna dei regali. Se l’idea vi piace, qui potrete trovare qualche consiglio su come organizzare un baby shower, le idee per decorare la casa in occasione del baby shower e una possibile lista di regali per la festa.

Che cosa è il baby shower

Per capire il significato del nome bisogna partire dal fatto che shower in inglese significa doccia. Durante il baby shower, infatti, la futura mamma riceve una vera e propria “doccia” di regali offrendo in cambio agli invitati un buffet e naturalmente il piacere di trascorrere insieme qualche ora di allegria. Negli Stati Uniti il baby shower è una tradizione ormai consolidata da tempo. Tanto che l’ultima moda tra i genitori americani è quella di fare un baby shower comprensivo di ecografia in diretta proiettata su uno schermo, tra la sorpresa degli invitati. Sono molte le agenzie specializzate che negli Usa propongono un “menù” completo di offerte per un baby shower indimenticabile. Il galateo vorrebbe che l’iniziativa partisse dalle amiche della mamma ma in genere sono i futuri genitori a organizzare il tutto. Anche in Italia il baby shower sta riscuotendo un successo in crescita. Visto che dopo la nascita del bebè, infatti, il tempo per stare in compagnia si riduce drasticamente, passare qualche ora in compagnia di parenti e amici è un’idea carina per stare insieme e festeggiare un evento così importante come la nascita.

Quando fare il baby shower

L’idea di come organizzare un baby shower non deve mettere ansia; basta avere chiaro che non si deve trattare necessariamente di una festa in grande stile: anche una semplice serata tra pochi amici può essere un momento di condivisione e di allegria. Fondamentale a monte stabilire un budget: si sa che un figlio costa e quindi è importante già prima della nascita aver chiaro quanto è possibile spendere, anche per l’organizzazione di appuntamenti come un baby shower. Una volta stabilito il budget è importante non sforarlo; volendo, per tagliare un po’ sulle spese, si può chiedere agli amici di contribuire magari per il buffet portando ognuno qualcosa da mangiare o da bere. La domanda che sorge spontanea è quando organizzare un baby shower? Sicuramente molto dopo il gender reveal party, il baby shower va organizzato solitamente intorno all’ottavo mese,  in genere, ma anche oltre purché non troppo vicino alla data del parto per evitare sorprese dell’ultimo minuto.

La data va scelta con un certo anticipo, almeno una ventina di giorni prima in modo da poter procedere con gli inviti. Possono essere i classici bigliettini da spedire via posta ma anche gli inviti elettronici: sono tanti ormai i servizi che permettono di creare inviti personalizzati anche a tema “baby shower” che possono essere inviati con un semplice click. A chi indirizzare l’invito è una scelta del tutto personale: in genere negli Usa il baby shower viene concepito come una festa al femminile ma non è detto che si possa decidere di estendere l’invito anche ad amici e parenti maschi; importante è scegliere un criterio e rispettarlo per non fare torto a nessuno. I bambini? Se la coppia ha altri figli si può decidere di organizzare il baby shower anche con i piccoli (in questo caso perché la mamma non si affatichi troppo è necessario prevedere la presenza di qualcuno che aiuti nella gestione dei bambini); in caso contrario meglio riservare la festa agli adulti.

In qualunque modo venga fatto, l’invito per un baby shower dovrebbe prevedere una serie di informazioni chiave:

  • Data e luogo della festa
  • Orario di inizio e orario previsto per la fine
  • Informazioni sull’eventuale tema scelto così che gli invitati possano adeguare l’abbigliamento
  • Richiesta di conferma entro una data precisa
  • Eventuale indicazione su dove è stata organizzata la lista nascita
  • Eventuali richieste agli invitati sul cosa portare (cibo-bevande ecc.)
  • Contatti di chi ha organizzato la festa

Dove fare il baby shower

Sulla location dove organizzare un baby shower ci possono essere varie opzioni. La casa è sicuramente il luogo ideale, quella dei futuri genitori ma anche quella dei nonni può andare bene. Se il baby shower viene organizzato a sorpresa dalle amiche, può essere previsto a casa di una di queste. Ok anche per un locale o una sala affittati per l’occasione purché si tratti di un posto non eccessivamente affollato, in modo che l’evento risulti il più possibile intimo. Tenete anche conto che se il baby shower è previsto in primavera o in estate può essere perfetto anche un parco. In questo caso per altro l’organizzazione è decisamente più semplice perché prevede solo un paio di tavoli apparecchiati a tema. Il momento ideale per il baby shower? Sicuramente il pomeriggio così che il buffet sia composto principalmente da dolci che possono essere biscotti decorati a tema, pasticcini, muffin, piccole brioches farcite, cupcake, cake pop e naturalmente una torta preferibilmente decorata.

Idee per decorare la casa in occasione di un baby shower

Anche se si decide per una festa intima e con pochi invitati, è importante creare un ambiente che sia innanzitutto accogliente ma anche allegro e colorato. Negli Usa, dove il baby shower è una festa irrinunciabile, viene scelto in genere un tema che fa da filo conduttore per tutte le decorazioni; può essere un personaggio dei cartoni animati, un film amato dai genitori piuttosto che un animale. Si può decidere, quindi, di scegliere un tema ma bisogna tenere conto che in questo caso risulta più complesso regolarsi su come organizzare un baby shower e abbellire la casa.

È preferibile quindi scegliere le decorazioni in libertà, seguendo il proprio gusto e le proprie inclinazioni. Ovviamente l’idea vincente è quella di addobbare la casa con decorazioni classiche che richiamano la nascita e i bebè, dalle cicogne agli orsetti, dai fiocchi alle mongolfiere, dalle scarpine alle stelline. Si può scegliere un colore che faccia da filo conduttore che può essere il classico rosa o l’azzurro ma anche un verde pastello, un giallo che mette allegria, un tenero lilla. I colori “neutri” sono ideali si è deciso di svelare il sesso del nascituro proprio nel corso del baby shower, magari in un momento clou come il taglio della torta. La stanza può essere addobbata con tanti palloncini che si possono anche legare a formare una sorta di “nuvola” da cui far scendere un filo con piccoli addobbi in tema. Bene anche per le ghirlande o i fiori che le più abili possono realizzare da sole con la carta crespa o la carta velina.
Le pareti possono essere addobbate con fili lungo i quali attaccare stelline o altre forme ritagliate nel cartoncino. In ogni caso va tenuto presente che nei negozi specializzati in decorazioni così come su internet si possono trovare moltissime proposte per decorare la casa in occasione di un baby shower. In ogni basta la fantasia per creare un’atmosfera speciale. Del resto organizzare un baby shower è un po’ come organizzare una festa di compleanno, per i bambini o per i grandi.

Come organizzare il buffet

Se il baby shower è organizzato al pomeriggio basta imbandire la tavola con dolci di ogni genere prevedendo però sempre anche tartine, focacce, salatini per chi predilige il salato. Nel caso si preferisca l’orario dell’aperitivo sarebbe opportuno ampliare l’offerta di cibi salati con olive, torte salate, tramezzini e stuzzichini di vario genere. In entrambe le situazioni si possono prevedere dei colorati spiedini di frutta oppure una coppa di macedonia e naturalmente una torta che rappresenta l’elemento chiave del baby shower. La si può ordinare in pasticceria facendola decorare a tema, ma volendo la si può preparare in casa, scegliendo uno stampo dalla forma speciale e lavorando di fantasia per le decorazioni. Non vanno dimenticati succhi di frutta, spremute, tè freddo ma anche bevande calde conservate in caraffe termiche e per l’aperitivo cocktail analcolici e bevande gassate. Sul tavolo in grossi barattoli, che funzionano bene anche da decorazione, si possono mettere caramelle, marshmallow, cioccolatini a forma di cuore, tronchetti di liquirizia colorati.

Come movimentare il baby shower

Il baby shower è innanzitutto un’occasione per incontrarsi, parlare, scambiarsi opinioni. Ma volendo si possono proporre anche piccoli giochi per movimentare l’incontro. Il più gettonato? Indovinare il nome del bebè con conseguente regalo per il vincitore. Lo si può fare attraverso una serie di indovinelli ma anche organizzando una piccola caccia al tesoro. In alternativa ognuno può inserire in un vaso un bigliettino con un nome: alla fine della festa tutti commentano insieme le proposte verificando se tra i nomi scritti c’è anche quello scelto dai futuri genitori. Altri giochi divertenti da proporre ai partecipanti sono indovinare la data del parto (con il vincitore che in questo caso sarà premiato in seguito) o il peso del nascituro. Giochi classici sono quelli che impegnano i futuri genitori in un cambio di pannolino a cronometro oppure nell’indovinare bendati con che cosa sono fatte varie pappe. Ci si può divertire insieme poi con una versione originale del classico gioco “nomi-cose-animali” scegliendo categorie a tema come giochi per neonati, abbigliamento per neonati, cartoni animali e così via. Una gara decisamente più impegnativa ma divertente è quella che prevede di far decorare agli invitati, con colori da tessuto atossici, tanti body bianchi che poi resteranno in ricordo della festa.

Regali per un baby shower

Il momento più atteso del baby shower è sicuramente quello dei regali. Se i genitori hanno già fatto una lista nascita non resta che scegliere tra le proposte elencate. In caso contrario, meglio indirizzarsi verso qualcosa che sia utile nei primi mesi di vita. Possono essere body e accessori come tutine e T-shirt visto che i cambi non sono mai abbastanza, prodotti per l’igiene del bebè, dallo shampoo alla spazzola, dal termometro per il bagnetto all’asciugamano con il cappuccio.

Si va sempre sul sicuro anche con bavaglini, biberon, accessori per le prime, lenzuolini, cuscini, luci per la notte. Un baby monitor così come una fascia porte-enfant possono venire in aiuto ai neo-genitori senza dimenticare il repertorio infinito di peluche e libricini interattivi per i primi mesi, giocattoli da usare in casa e fuori quando il piccolo cresce. Se si decide di fare un unico regalo un’idea vincente è quella del “cesto nascita”, un cesto decorato riempito con tutto quello che può essere d’aiuto nei primi mesi, dai capi di abbigliamento ai prodotti per la cura e l’igiene insieme a giochi e articoli per ricordare i momenti importanti come cornici, album, diari.

Chi vuole restare sul pratico ma cerca al tempo stesso un’idea originale può puntare sulla torta di pannolini che non manca mai nei baby shower americani. Si può trovare già pronta anche online oppure realizzarla da sole magari usando anche i pannolini lavabili se il regalo è destinato a mamme particolarmente attente all’ambiente: in ogni caso è sempre un regalo gradito visto che i pannolini non bastano mai. Naturalmente chi lo desidera può scegliere di fare un regalo alla mamma: dovrebbe essere in questo caso qualcosa che dura nel tempo e che abbia attinenza con la nascita come un ciondolo, un braccialetto, ma anche una felpa spiritosa con il nome del bebè che sta per nascere, un diario dove annotare tutti i progressi del piccolo e così via.

Regali da lasciare agli invitati

È usanza lasciare un giveaway, un piccolo dono come ringraziamento agli invitati al termine del baby shower. Anche in questo caso si può lavorare di fantasia e tenere presente che basta davvero un piccolo pensiero che volendo, ma non necessariamente, può richiamare il tema. Può essere un portachiavi oppure un segnalibro, ma anche un sacchettino di confetti, di cioccolatini o di pop corn colorati con un bigliettino e una frase di ringraziamento. Altre idee originali possono essere piccoli biberon riempiti di caramelle, vasetti di omogenizzati dipinti a mano, ma anche un biscotto decorato inserito in un sacchettino corredato di fiocchetto.  

 

 
 
 

In sintesi

Il baby shower è la festa che si fa in genere attorno all’ottavo mese di gravidanza per festeggiare l’imminente arrivo di un bebè. Nata negli Usa e sempre più apprezzata in Italia, è un evento conviviale durante il quale amici e parenti offrono regali alla futura mamma. Può essere una festa più o meno intima che va comunque sempre organizzata con una certa cura decorando l’ambiente, prevedendo un buffet e un piccolo regalo di ringraziamento per gli invitati. Occorre quindi stabilire a monte il budget da destinare e preparare un elenco di passaggi sul come organizzare un baby shower così da realizzare una festa che resterà come ricordo di un momento felice. 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HCG

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti