Ada

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 23/01/2014 Aggiornato il 30/01/2015

Origine e significato del nome Ada

Ada

L’origine e il significato

Importato dall’Inghilterra e dalla Francia all’inizio del 1800, questo nome ha diverse etimologie. Molti, infatti, sostengono che Ada derivi dalla parola germanica “adal” = “nobile stirpe” e che la forma italiana sia solo l’abbreviazione di Adele, Adelaide, o Atala, essendo i nomi germanici composti in genere da più elementi. Altri invece lo collegano alla parola gotica ”atta”, voce infantile che significa “padre”. Altri ancora ritengono che il nome italiano sia un adattamento dell’ebraico “Adâh”, che significherebbe “abbellita da Dio”, quindi per estensione “allegra, lieta“. Vi è anche una versione maschile, Ado, non molto usata.

L’onomastico

Le “Ade” festeggiano l’onomastico il 4 dicembre, in ricordo di una santa badessa benedettina, vissuta in Francia nel XII secolo.

Scopri tutti i nomi femminili per la tua bambina

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti