Anita

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 23/01/2014 Aggiornato il 29/01/2015

Origine e significato del nome Anita

Anita
L’origine e il significato

È il diminutivo spagnolo del nome Anna e la sua diffusione in Italia è legata all’epopea garibaldina: si chiamava, infatti, Anita la prima moglie di Garibaldi che lo accompagnò nei momenti cruciali della sua lotta. Per l’etimologia dobbiamo quindi rifarci ad Anna, nome di origine ebraica che deriva dal verbo “Hannah” e che significa “(Dio) ha concesso la grazia”. Questo nome veniva infatti spesso attribuito alle bambine a lungo attese. È tuttora legato all’immagine dell’attrice Anita Ekberg.

L’onomastico

Sono molte le “Anne” riconosciute dalla Chiesa, ma normalmente le “Anite” festeggiano l’onomastico il 26 luglio, giorno dedicato a santa Anna, la madre della Madonna.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti