Beatrice

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 23/01/2014 Aggiornato il 29/01/2015

Origine e significato del nome Beatrice

Beatrice

L’origine e il significato

Deriva dal verbo latino “beare” che vuol dire “arricchire, rendere felice”. Il nome, quindi, significa “colei che rende felice” nello spirito. Di tradizione cristiana, è stato utilizzato sin dai primi fedeli, che interpretavano il termine “beato” come colui che ha raggiunto la felicità eterna. La sua diffusione è legata alla letteratura: Beatrice è il nome della donna che guida Dante nel suo viaggio nel Paradiso del poema “La Divina Commedia”.

L’onomastico

Chi porta questo nome può festeggiare l’onomastico il 18 gennaio, giorno in cui la Chiesa ricorda santa Beatrice martire o il 29 luglio, data in cui la Chiesa celebra santa Beatrice, vissuta nella prima metà del 1200 e fondatrice di vari conventi in Belgio.

Scopri tutti i nomi femminili per la tua bambina

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti