Carla

Origine e significato del nome Carla

L’origine e il significato

Nella versione maschile, il nome deriva dal germanico “karl” che in origine sta per “uomo libero”, ma che acquista il significato di “re”, per l’influsso di Carlo Magno, leggendario imperatore dei franchi. Pare, tuttavia, che il femminile Carla abbia una radice diversa, dall’anglosassone “car” = “robusta, forte”. Nella forma “Carlotta”, il nome fu scelto da molti scrittori per i loro personaggi femminili, come Foscolo ne Le lettere di Jacopo Ortis, mentre tra le “Carle” contemporanee, ricordiamo la ballerina Carla Fracci.

L’onomastico

Di solito si festeggia il 4 novembre, in onore di san Carlo Borromeo (1538-1584), arcivescovo di Milano e protettore degli studi. Esiste per

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Fontanella quasi chiusa a sei mesi: è un brutto segno?

La (quasi) chiusura della fontanella a sei mesi di età non è un segno allarmante, se lo sviluppo neurologico è normale e la crescita della circonferenza cranica regolare.   »

Tampone vaginale positivo allo streptococco al termine della gravidanza

Può accadere che in prossimità del parto il tampone vaginale rilevi la presenza dell'infezione. In questo caso, all'inizio del travaglio viene praticata la profilassi antibitica per evitare che il bambino venga contagiato al momento della nascita.   »

Influenza in gravidanza: è pericolosa?

Ci possono essere dei rischi, se l'influenza viene contratta nelle prime settimane di gravidanza, a causa della febbre. Nel secondo e nel terzo trimestre è improbabile che il bambino corra particolari pericoli. In generale, è sempre opportuno che una donna in attesa effettui la vaccinazione antiinfluenzale....  »

Fai la tua domanda agli specialisti