Caterina

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 23/01/2014 Aggiornato il 29/01/2015

Origine e significato del nome Caterina

Caterina

L’origine e il significato

L’etimologia di questo nome, ampiamente diffuso nel sud Italia, è abbastanza curiosa. Bisogna risalire a santa Caterina d’Alessandria e alla Grecia antica in cui esisteva nella forma di Aikaterine, tradotta poi erroneamente come Ekaterìne. Nel mondo medievale cristiano si fece risalire, forse seguendo un’etimologia popolare, il nome Caterina all’aggettivo greco “katharós”, cioè “puro”. È da questa interpretazione che derivò la grafia errata Catharina, tramandata in tutte le lingue occidentali, mentre in Oriente si è rimasti fedeli alla versione greca.

L’onomastico

Le “Caterine” possono festeggiare il 25 novembre, in memoria di santa Caterina d’Alessandria, oppure il 29 aprile in ricordo di santa Caterina da Siena.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti