Caterina

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 23/01/2014 Aggiornato il 29/01/2015

Origine e significato del nome Caterina

Caterina

L’origine e il significato

L’etimologia di questo nome, ampiamente diffuso nel sud Italia, è abbastanza curiosa. Bisogna risalire a santa Caterina d’Alessandria e alla Grecia antica in cui esisteva nella forma di Aikaterine, tradotta poi erroneamente come Ekaterìne. Nel mondo medievale cristiano si fece risalire, forse seguendo un’etimologia popolare, il nome Caterina all’aggettivo greco “katharós”, cioè “puro”. È da questa interpretazione che derivò la grafia errata Catharina, tramandata in tutte le lingue occidentali, mentre in Oriente si è rimasti fedeli alla versione greca.

L’onomastico

Le “Caterine” possono festeggiare il 25 novembre, in memoria di santa Caterina d’Alessandria, oppure il 29 aprile in ricordo di santa Caterina da Siena.

Scopri tutti i nomi femminili per la tua bambina

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Piccolissimo che piange perché vuole stare in braccio

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Non stupisce affatto che un bimbo di neppure due mesi smetta di piangere solo quando viene preso in braccio dalla madre. Spetta a quest'ultima trasmettergli l'affettuoso, rassicurante messaggio di esserci per lui sempre e comunque, anche quando è nella culla.   »

Fai la tua domanda agli specialisti