Cecilia

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 23/01/2014 Aggiornato il 29/01/2015

Origine e significato del nome Cecilia

Cecilia

L’origine e il significato

Il nome deriva dal latino, in quanto nell’antica Roma sia “Caecilia” sia il suo corrispettivo maschile “Caecilius” erano largamente usati. La “gens Caecilia”, infatti, era un antico nome gentilizio romano. Il mondo cristiano lega questo nome alla figura di santa Cecilia, nobile romana convertitasi al cristianesimo che per questo subì il martirio per decapitazione. La tradizione vuole che fosse appassionata di musica, tanto da essere sempre raffigurata con uno strumento. Per questo è diventata la patrona dei musicisti e ha dato il suo nome anche all’Accademia Nazionale di Musica a Roma.

L’onomastico

Chi porta questo nome festeggia l’onomastico il 22 novembre, giorno dedicato alla santa che amava la musica e a tutti i musicisti.

Scopri tutti i nomi femminili per la tua bambina

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Mancato accollamento: è sempre necessario assumere progesterone?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Si parla di "mancato accollamento" quando la parete esterna del sacco gestazionale (corion) non è del tutto adesa alla mucosa uterina: la condizione può risolversi anche solo evitando strapazzi fisici, ovvelo col riposo relativo.  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti