Chanel

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 09/01/2017 Aggiornato il 09/01/2024

Origine e significato del nome Chanel

L’origine e il significato

È un nome che solo da poco tempo è utilizzato come nome proprio. Negli Stati Uniti si è diffuso dagli anni Settanta grazie alla famosa casa di moda francese, fondata dalla stilista Coco Chanel (1883-1971). In Italia è diventato famoso quando il calciatore Francesco Totti e la showgirl Ilary Blasi hanno chiamato la loro prima figlia proprio Chanel. Il nome vuole essere di buon auspicio: si augura al proprio figlio una vita di successo come il noto marchio del lusso.

L’onomastico

Il nome è adespota, senza un onomastico fisso, quindi si può festeggiare il 1° novembre, festa di Ognissanti.

Scopri tutti i nomi femminili per la tua bambina

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HCG

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Fratello e sorella (solo da parte di madre) possono avere figli sani?

22/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

I figli di consanguinei hanno un alto rischio di nascere con anomalie genetiche e disturbi del neurosviluppo. Questa è la principale ragione per la quale nelle società organizzate sono vietate le unioni tra parenti stretti.   »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti